Mirabella – Errate le previsioni, De Benedetto comunque si è dimesso…

0
46

Mirabella Eclano – “E’ giusto smorzare ogni tono di polemica perché non esiste alcuna rottura all’interno del gruppo di maggioranza. Il confronto e il dialogo non è mai mancato. Da un equivoco sorto con il consigliere Massimo De Benedetto, non può nascere una crisi. Necessitiamo, è vero, di un chiarimento politico, ma non è appropriato parlare di fratture”. E’ stata questa l’ultima dichiarazione rilasciata dal sindaco Vincenzo Sirignano non più di una settimana fa. Insomma, un modo diplomatico per mettere tutto a tacere. Un intervento, il suo, che minimizzava l’infuocata questione amministrativa di Mirabella Eclano. Ma a quanto pare il tempo, e soprattutto le prese di posizione, non gli hanno dato alcuna ragione smentendo a chiare lettere le parole di un sindaco che si è ritrovato a fare i conti con la lettera di dimissioni del consigliere Massimo De Benedetto e con le dimissioni di Nino Schena e Antonio Di Placido, membri del Comitato consultivo di recente costituzione. Senza mezzi termini De Benedetto ha spiegato, tramite una lettera, i perché della drastica scelta. “Le motivazioni sono esclusivamente di natura politico-amministrativa. Non ho condiviso i metodi e i meriti di una reiterata azione che di fatto ha tradito gli impegni politici, sociali e culturali assunti dalla lista ‘Patto per Mirabella’. Ma soprattutto è stato disatteso l’impegno a garanzia dell’imparzialità e della trasparenza amministrativa attraverso la pratica dei metodi clientelari che hanno offeso la sensibilità e l’intelligenza dei cittadini”. Dunque, a nulla sembra esser servito il dossier che l’amministrazione eclanese ha distribuito alla popolazione. Un piccolo volume rilegato attraverso cui, basandosi sulle incrollabili regole dell’imparzialità e della trasparenza, il team Sirignano ha voluto mostrare all’opinione pubblica tutte le opere compiute nell’arco di un anno. Ma a quanto pare l’ironica conclusione “…scusateci se l’elenco delle azioni è così lungo… ma questo è il frutto del nostro operato”, sembra aver disatteso le speranze del gruppo consiliare. O piuttosto il gesto del consigliere Massimo De Benedetto sembra aver sollevato un certo scetticismo nel tanto decantato principio di trasparenza. (di Manuela Di Pietro)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here