Mercogliano, due pregiudicati bloccati prima dell’ennesima rapina

0
2

Avellino – Avevano pianificato l’ennesima rapina. Nei dettagli, come al solito, come fatto già diverse volte nelle banche, alle poste e negli esercizi commerciali della regione. Stavolta a fermare il loro intento criminoso sono stati i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Avellino che stamane, verso le 13, hanno bloccato una macchina sospetta con due pregiudicati a bordo che si stava aggirando nell’hinterland di Avellino, sventando così il nuovo colpo all’orario di chiusura delle attività d’ufficio.

Infatti, una volta fermata la Fiat Panda (nuovo modello) di colore azzurro che stava transitando con fare sospetto lungo via Nicola Santangelo del Comune di Mercogliano, proprio davanti al Movieplex, i carabinieri hanno identificato gli occupanti il veicolo in due napoletani, che non hanno saputo fornire giustificazioni valide in ordine alla loro presenza in quel luogo.

Portati in caserma per un più approfondito controllo tramite la Banca Dati, i militari dell’Arma hanno constatato che i due partenopei, uno di 30 e l’altro di 69 anni, avevano moltissimi precedenti penali e di polizia, quasi tutti per rapina, perpetrate ai danni di uffici postali, banche ed esercizi commerciali in varie parti della Regione Campania. Anche gli stessi napoletani, davanti ai militari, non hanno potuto che ammettere molto candidamente che il loro unico reddito consisteva nel provento delle rapine.

A questo punto, i carabinieri hanno operato un’approfondita perquisizione all’autovettura, accertandovi la presenza di 3 berretti, 2 paia di guanti in lana e di 2 giubbetti: elementi che non possono che confermare che i napoletani erano ad Avellino per pianificare o addirittura già commettere l’ennesima rapina. I berretti sarebbero di certo serviti per travisarsi, i guanti per non lasciare impronte e i giubbetti per potersi subito cambiare, diventando meno riconoscibili.

Non avendo più dubbi a riguardo della pericolosità dei due soggetti, i carabinieri hanno quindi proceduto al sequestro di quanto rinvenuto in macchina, avviando invece nei confronti dei 2 soggetti il procedimento amministrativo per l’irrogazione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio: misura questa che gli vieta di fare ritorno dei comuni irpini, salvo incorrere in più gravi sanzioni di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here