Medaglie ed encomi alla 155° festa della polizia – La Photogallery

0
11

Avellino – “Signor Questore, forse la liturgia non scritta di questa manifestazione avrebbe voluto un discorso celebrativo; mi è sembrato più giusto e più vero segnalarlo con un’analisi dei successi conseguiti e dei problemi ancora aperti nell’azione di contrasto della criminalità. E’ anche il modo migliore per riconoscere alla polizia di stato i meriti indiscussi conquistati sul campo a fronte dell’impegno quotidiano di oltre centomila persone”. Così il prefetto Paolo Orrei alla 155° festa della polizia, che si è svolta questa mattina presso il conservatorio Cimarosa di Avellino. “La celebrazione di oggi – ha spiegato il prefetto – serve alla nostra comunità per riconoscere nella polizia uno dei baluardi della sua sicurezza, una delle garanzie del suo divenire democratico, uno dei presidi della convivenza pacifica”. Orrei ha ringraziato tutte le forze dell’ordine, le procure della Repubblica presso i tribunali di Avellino, Ariano Irpino e Sant’Angelo dei Lombardi, le associazioni sindacali e la stampa per l’attività di supporto prestata alle azioni di controllo del territorio. In occasione della manifestazione, il questore, Vittorio Rochira, ha premiato alcuni funzionari che si sono particolarmente distinti nell’anno 2006. Appuntata sulla divisa la medaglia di bronzo al valor civile ai Sovrintendenti Francesco Ammaturo e Sabatino Rega, all’ assistente Giuseppe Romano e all’agente scelto Teresa Iacovazzi per essersi introdotti, il 19 febbraio 2006, in un appartamento di Domicella avvolto dalle fiamme traendo in salvo i tre occupanti. Encomio solenne al vice questore aggiunto Pio Amoriello per aver diretto in modo esemplare una complessa indagine di polizia a Benevento. Un riconoscimento anche al sovrintendente Nicola Vicale e all’ispettore capo Flaminio Brogna. E la brillante operazione di polizia giudiziaria portata a termine dal commissariato di pubblica sicurezza di Ariano Irpino, che ha assicurato alla giustizia i presunti responsabili di reati sessuali e di traffico di sostanze stupefacenti, che ha avuto una risonanza nazionale, è stata sottolineata con l’encomio solenne al vice questore Gaetano Frongillo e agli ispettori capo Giuseppe Ciasullo e Marciano Cipriano. Tra le autorità militari presenti il capitano Pasquale D’Antonio che dirige la compagnia di Ariano Irpino e i vertici provinciali dell’Arma. Numerosi i politici che hanno partecipato alla celebrazione: Alberta De Simone, Enzo De Luca, Pino Galasso e Rosa D’Amelio, rispettivamente presidente della Provincia, assessore regionale per i lavori pubblici, sindaco di Avellino e assessore regionale alle Politiche Sociali. Ha partecipato il vescovo di Avellino, Pasquale Marino.


Guarda la Photogallery


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here