Maxi operazione nel napoletano. I carabinieri sequestrano confetti senza tracciabilità

Maxi operazione nel napoletano. I carabinieri sequestrano confetti senza tracciabilità

15 Luglio 2020

Nell’ambito di una maxi operazione che ha interessato negli ultimi giorni la provincia di Napoli, caratterizzata da ispezioni di varia tipologia, i carabinieri hanno effettuato un enorme sequestro all’interno di un’industria dolciaria sita a San Giuseppe Vesuviano. Complessivamente si tratta di oltre 800 kg di alimenti e 72 litri di vino, tutto posto a sequestro.

Nel dettaglio, i militari dell’arma hanno scoperto oltre 260 chili di confetti, che risultavano privi di indicazioni sulla tracciabilità: un requisito fondamentale per la messa in vendita di qualunque tipo di alimento. Soltanto grazie alla tracciabilità infatti, che è la comunicazione di ogni singolo processo con cui si è arrivati al prodotto in vendita, e che infatti parte dalle materie prime, dai semilavorati e dalle risorse, attraverso il processo produttivo, fino ad arrivare al prodotto finito, consentendo così di conoscere tutte le fasi di lavorazione di un prodotto e dunque garantire che non sia pericoloso per la salute. In mancanza di questa documentazione, scatta il sequestro degli alimenti e si rischia anche una condanna di tipo penale.

I confetti per i matrimoni sono molto cambiati nel corso degli anni e per ogni confettata occorrono almeno 6-10 chili di prodotti, e dunque si tratta di un’industria particolarmente florida: basta pensare che un chilo di confetti può arrivare a costare anche venti euro.