VIDEO/ Manca personale, il Pronto Soccorso di Ariano ancora chiuso. Accesso diretto al reparto, pugno duro dell’Asl

0
81

Picariello e Spiniello – L’ingresso della donna di Ariano Irpino, risultata positiva al coronavirus, direttamente al Pronto Soccorso del “Frangipane” della cittadina del Tricolle saltando il triage e quindi contravvenendo alle regole che avrebbero evitato contatti con pazienti e sanitari privi di protezioni, sta ancora provocando problemi di non poco conto alla sanità arianese.

La giornata di oggi è servita a fare il punto della situazione al “Frangipane” con il direttore generale dell’Asl, Maria Morgante. Il Pronto Soccorso, per mancanza di personale, resta ancora chiuso. Inoltre, il marito, che tra l’altro è un medico, della signora ammalata, è stato sottoposto al tampone per motivi precauzionali, nonostante non presenti sintoni.

“Abbiamo carenza di personale che ci ha costretto a chiudere il Pronto Soccorso ed anche altri reparti”, spiega la dottoressa Morgante. “Rispetto a questo, abbiamo difficoltà a trovare medici, visto che i nostri sono in sorveglianza fiduciaria, ma anche infermieri ed operatori socio-sanitari. Ci stiamo attrezzando per recuperare personale per rendere di nuovo attivo il Pronto Soccorso. Il reparto è stato sanificato per ben due volte, anzi, questa mattina abbiamo fatto un ulteriore ripasso. Ma finché non recupereremo personale necessario, il Pronto Soccorso non potrà essere riaperto. Stiamo facendo tutto il possibile per riaprilo, ma manca personale”.

L’ingresso diretto della donna al Pronto Soccorso sarà oggetto di indagini e verifiche. Mentre sembra che già la Procura della Repubblica abbia aperto un’inchiesta, il direttore dell’Azienda Sanitaria Locale afferma: “Sarò intransigente rispetto a questo evento che non doveva assolutamente accadere. Verificheremo tutte le responsabilità e poi prenderemo i provvedimenti che saranno necessari”.