L’Italia trema: arriva la tempesta di Natale

0
19

La tempesta di Natale, con tanto di nubifragi, venti forti, neve a bassa quota e mareggiate, raggiungerà l’Italia il 25 dicembre. Disagi in vista, quindi, nonostante le temperature saranno al di sopra della media stagionale. Il ciclone extra-tropicale dovrebbe allontanarsi venerdì 27 ma una nuova perturbazione, seppure più debole, raggiungerà il Nord della Penisola già il giorno successivo. Lunedì tempo tutto sommato buono in gran parte d’Italia nonostante il fastidio delle nebbie a inizio giornata – spiega il meteorologo Andrea Giuliacci -. Già martedì, però, torneranno le piogge al Nordovest per l’avvicinarsi della tempesta di Natale, un’intensa perturbazione che fra Natale e Santo Stefano porterà la pioggia su quasi tutta l’Italia, con il rischio anche di veri e propri nubifragi al Nordest e regioni tirreniche, mentre sulle Alpi la neve cadrà abbondante al di sopra di 800-1200 metri”. Inizio di settimana tranquillo – Qualche nuvola, al Nord, in Toscana e sulle Isole, poche piogge concentrate su Liguria, Friuli, Venezia Giulia e Sardegna. Nel resto d’Italia, l’inizio della settimana è all’insegna del bel tempo. Solo a fine giornata piogge su Liguria, alto Piemonte e alta Lombardia. Temperature stazionarie o in lieve calo – Previsti 8 gradi a Milano, Brescia, Perugia e Bolzano, 9 gradi a Bologna, Venezia, Ancona, 12 gradi a Firenze e Pisa, 13 gradi a Roma e Crotone, 17 gradi a Trapani. Vigilia e Natale con tempesta – Una mega perturbazione atlantica porterà maltempo su quasi tutta l’Europa Occidentale e in particolare su Scozia, Irlanda, Inghilterra, Spagna occidentale, Portogallo, Germania e nord della Francia tra lunedì mercoledì. Martedì 24 ancora bello al Sud, nuvole invece sul resto d’Italia: piogge sparse, per lo più deboli, su Nordovest e Toscana, con neve sulle Alpi oltre 800-1000 metri. Le piogge si intensificheranno gradualmente su Liguria, alto Piemonte, alta Lombardia e alta Toscana. Nella notte di Natale inizieranno ad intensificarsi le piogge al Nordovest, con rischio nubifragi su Liguria, est Piemonte, ovest Lombardia e su tutta la fascia prealpina. Piogge anche alle Venezie, all’Emilia occidentale e alle coste del medio Tirreno tra bassa Toscana e alto Lazio. A Natale nuvole su gran parte d’Italia: piogge diffuse al Centronord, Campania e Sardegna, anche di forte intensità specie su Lombardia, Triveneto e Toscana; abbondanti nevicate sulle Alpi oltre i 700-800 metri con accumuli localmente anche superiori a 1 metro. Temperature sopra la media – Il flusso di correnti da sud garantirà temperature nella norma, senza freddo di particolare rilevanza. Al Sud potremo arrivare anche a superare i 20 gradi. Nella notte di Santo Stefano la perturbazione si sposterà verso il Sud e il tempo migliorerà gradualmente al Nordovest ed Emilia. Quota neve in calo sulle Alpi tra gli 800 e i 900 metri. Fiocchi anche sull’Appennino centrale, tra i 1100 e i 1400 metri. Breve tregua il 27 – Da venerdì 27 dicembre probabile un graduale miglioramento del tempo, con piogge residue sul basso Tirreno. Poi si prospetta l’arrivo di una nuova perturbazione, più debole, al Nord.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here