L’importanza del Wi-Fi pubblico nelle nostre città

L’importanza del Wi-Fi pubblico nelle nostre città

28 Aprile 2021

I servizi digitali sono ormai parte integrante della nostra quotidianità e sta diventando pertanto una responsabilità per gli enti pubblici l’offerta di reti internet aperte a tutti, che possano abbattere il digital divide sociale e renderne possibile la fruizione a ogni cittadino. Perché, dunque, l’apertura di reti Wi-Fi pubbliche deve essere considerata una priorità per le amministrazioni?

Servizi online: lavoro, studio e intrattenimento alla portata del cittadino

Quando si parla di servizi digitali si fa riferimento a un ampio ventaglio di possibilità, legate tanto al lavoro e allo studio quanto a scopi più ludici e di intrattenimento. In ogni caso, l’accesso richiede la presenza di una rete internet e la disponibilità di un dispositivo connesso, fattori che, per motivi di copertura, economici o per altre ragioni, non sempre risultano alla portata di tutte le famiglie.

Oggi online corre davvero di tutto: chi lavora necessita di internet per restare in contatto con colleghi e altri soggetti, magari anche effettuando videoconferenze, così come gli studenti hanno bisogno della rete sia per potersi documentare sui diversi argomenti che per seguire le lezioni nelle modalità previste dalla Didattica a Distanza. Non solo, internet è anche un enorme contenitore di servizi al cittadino, da quelli bancari alla burocrazia degli enti pubblici, fino ad arrivare allo shopping e al gioco.

Proprio queste ultime due categorie, negli ultimi tempi hanno riscontrato una crescita enorme, legata sia al maggior tempo trascorso in casa che al miglioramento degli stessi servizi offerti. Pur trattandosi di soggetti legati a una dimensione di intrattenimento, infatti, gli operatori di questi comparti sono diventati dei veri e propri esempi di efficienza, da prendere a modello anche in altri ambiti. I casino digitali, come quelli censiti dal portale Casinos.it, per esempio, mettono da sempre in campo conoscenze specifiche e ingenti investimenti per garantire non soltanto la migliore user experience ma anche elevati livelli di sicurezza delle operazioni eseguite online.

Questa caratteristica ha spinto i portali di gioco a porsi come protagonisti di una rivoluzione digitale in cui l’utente/cittadino è al centro dell’attenzione e in cui l’obiettivo fondamentale è quello di soddisfare le sue necessità, a prescindere che si tratti del disbrigo di pratiche burocratiche o di partite ai propri giochi preferiti. Casino e altre piattaforme di gaming, al pari degli istituti bancari e finanziari hanno sviluppato, in tal senso, sistemi sempre più avanzati per proteggere pagamenti e scambi di dati, oltre a creare applicazioni per dispositivi mobili altamente efficienti sotto ogni punto di vista.

Le reti Wi-Fi cittadine per abbattere il digital divide

I servizi digitali interessano, dunque, ogni ambito della nostra vita, il che ci fa ben comprendere quanto sia oggi indispensabile poter garantire l’accesso alla rete a tutti i livelli. L’espansione dei servizi online, infatti, oggi evidenzia ancora di più, rispetto agli anni scorsi, la necessità di abbattere le differenze ancora esistenti, creando per tutti le stesse opportunità di accedere a un sistema di comunicazione rapido e, spesso, essenziale.

Comuni e altri enti pubblici si ritrovano a dover rispondere a un’esigenza divenuta primaria, investendo in tecnologie che possano garantire una copertura territoriale ampia e costi azzerati per i fruitori. Nascono proprio per questo motivo le reti Wi-Fi pubbliche, il cui funzionamento è sostanzialmente simile a quello di una rete privata, basata su un hotspot al quale è possibile collegare i vari dispositivi, ma con caratteristiche di gratuità e di accesso da luoghi pubblici.

Molti Comuni in tutta Italia hanno adottato sistemi di questo genere in piazze e altri spazi, cercando via via di estendere la copertura anche in zone più periferiche. Al loro fianco, il Ministero dello Sviluppo Economico, che con il progetto Piazza WiFi Italia, al quale hanno recentemente aderito anche i Comuni irpini di Montemiletto e Montaperto, sta spingendo vera una rete Wi-Fi libera e diffusa su tutto il territorio nazionale.

La direzione intrapresa è certamente quella giusta e non è difficile immaginare un futuro iperconnesso e sempre più digitale: l’importante è solo non sprecare altro tempo e velocizzare questo cammino affinché anche i territori più decentrati non restino indietro nei confronti del progresso tecnologico.