Libia, uccisi due italiani dipendenti della Bonatti

0
27

Due italiani sarebbero stati uccisi in Libia. Lo riporta l’Ansa che riprende una notizia della Farnesina.

“Relativamente alla diffusione di alcune immagini di vittime di sparatoria nella regione di Sabrata in Libia, apparentemente riconducibili a occidentali, la Farnesina informa che da tali immagini e tuttora in assenza della disponibilità dei corpi, potrebbe trattarsi di due dei quattro italiani, dipendenti della società di costruzioni ‘Bonatti’, rapiti nel luglio 2015 e precisamente di Fausto Piano e Salvatore Failla. Al riguardo la Farnesina ha già informato i familiari. Sono in corso verifiche rese difficili, come detto, dalla non disponibilità dei corpi”.

Un testimone libico, rientrato a Tunisi da Sabrata, riferisce all’ANSA che i due ostaggi italiani “… sono stati usati come scudi umani” dai jihadisti dell’Isis, e sarebbero morti “negli scontri” con le milizie di ieri a sud della città, nei pressi di Surman.

“Il Copasir durante i lavori della seduta odierna, alla luce di quanto avvenuto in Libia a due ostaggi italiani, ha ritenuto di convocare con urgenza l’Autorità delegata, senatore Marco Minniti. La riunione si svolgerà oggi alle 14,30”.

Chi è Fausto Piano? – Fausto Piano, 61 anni, originario di Capoterra in provincia di Cagliari. Sposato, lavorava per la Bonatti di Parma dal 1991. Tornato recentemente in Libia, faceva parte del gruppo di 4 italiani rapiti nel luglio 2015 nella zona di Mellitah, vicino Tripoli.

Chi è Salvatore Failla? – Salvatore Failla, 47 anni, orginario di Carlentini, in provincia di Siracusa. La famiglia su indicazioni della Farnesina preferisce non rilasciare dichiarazioni. Tuttavia lo stesso Salvatore Failla, che da 3 anni si trovava in Libia per lavoro, rispondendo sul suo profilo Facebook ad un amico che gli chiedeva se non fosse impaurito a stare in Libia scriveva: “qualche scontro c’è stato, ma dopo 3 anni ci ho fatto il callo”. Sui motivi che lo spingevano a restare nel Paese africano l’uomo, padre di due ragazze di 22 e 12 anni scriveva: “il lavoro me lo faccio piacere per forza, la famiglia bisogna pure camparla e mi dà modo di togliermi qualche sfizio“.

Di cosa si occupa la Bonatti? Fondata a Parma nel 1946 dall’ingegner Saul Bonatti, la holding controllata dall’azionista manager Paolo Ghirelli Bonatti Spa può contare su oltre 6 mila dipendenti in 14 Paesi, dal Messico al Nord Africa, dall’Arabia al Kazakhstan.

Circa l’80% del fatturato – circa 740 milioni nel 2014, secondo gli ultimi dati disponibili – viene realizzato fuori dai confini nazionali. Il rapporto con la Libia inizia nel 1979, con la firma del primo contratto per conto dell’Agip.

In Libia Bonatti Spa si occupa di assistenza e manutenzione alla stazione di compressione che manda gas in Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here