VIDEO/ L’Europarlamentare ed ex Procuratore Antimafia Franco Roberti ad Avellino per esprimere solidarietà a D’Onofrio

28 Ottobre 2019

Renato Spiniello Franco Roberti, ex Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, attuale Eurodeputato in quota S&D, gruppo in cui nell’emiciclo di Bruxelles è confluito il Partito Democratico, è giunto questa mattina ad Avellino, in Procura, per esprimere la propria solidarietà al procuratore aggiunto Vincenzo D’Onofrio, titolare dell’inchiesta denominata “Partenio 2.0”.

“Lo uccido a questo” con queste parole Pasquale Galdieri, ritenuto dagli inquirenti il capo del nuovo clan Partenio si era rivolto nei confronti del magistrato, intercettato dai Carabinieri all’interno della propria abitazione. I fatti risalirebbero al 21 marzo 2018, quando Galdieri, attualmente tratto in arresto, era intento a guardare un tg locale dove scorrevano appunto le immagini di D’Onofrio.

D’Onofrio e Roberti

“Sono qui per portare la nostra solidarietà e del Partito Democratico al pm D’Onofrio e per attestare la nostra vicinanza all’azione di contrasto che svolgono le Forze dell’Ordine e la Procura qui ad Avellino contro la Camorra e le organizzazioni criminali – afferma Roberti accompagnato da Aldo Cennamo, commissario provinciale dei dem in Irpinia – Conosco bene la realtà criminale ad Avellino e so che ci sono clan molto ben strutturati e pericolosi. Non bisogna mai abbassare la guardia. E’ necessario continuare l’azione di contrasto e non perdere di vista i collegamenti tra le stesse organizzazioni criminali e le istituzioni. Compito della politica è fare pulizia e recidere i legami con il mondo della criminalità.

L’azione giudiziaria – conclude l’ex Procuratore – da sola non basta, ci vuole la politica e soprattutto la presa di coscienza da parte della collettività che la criminalità organizzata è un problema di tutti, in quanto inquina l’economia, le istituzioni e blocca lo sviluppo e la crescita del territorio”.