Le porte del Belgio potrebbero spalancarsi per due aziende irpine

12 Ottobre 2013

Potrebbero spalancarsi le porte del Belgio per due ambiziose realtà imprenditoriali della nostra provincia. La Kiara & Co. di Santa Lucia di Serino e la A. Ricciarelli Moda di Manocalzati, aziende di moda, potrebbero presto investire e allargare il loro raggio di azione al territorio della Vallonia. Entrambe già operative a livello sia nazionale che europeo, entrambe capaci di reinventarsi e affrontare con coraggio e spirito di iniziativa il mercato, hanno messo a disposizione negli ultimi anni il loro know how nel settore dell’abbigliamento per disegnarsi un nuovo futuro finalizzato per allargamenti di mercato. A dimostrazione che in tempi difficili, passione, impegno e inventiva possono aprire nuovi importanti canali. Le nostre due aziende irpine hanno partecipato nei giorni scorsi a un ristretto summit di lavoro e precisamente a un networking lunch nella residenza dell’ambasciatore belga a Roma. In rappresentanza della Kiara & Co. di Santa Lucia di Serino c’erano il Ceo Caterina Giustiniani e il Direttore amministrativo Umberto Landolfo. Per la A. Ricciarelli Moda hanno preso parte all’incontro di lavoro la stilista e creativa dell’azienda, Simonetta Ricciarelli, e il Direttore Marketing-Produzione Daniele Ricciarelli. Oltre 10 aziende nazionali erano presenti ad un incontro finalizzato a illustrare le basi e le prospettive di un vasto progetto di partnership tra Italia e Belgio. L’oggetto dell’incontro era quello di studiare e valutare opportunità di apertura di nuovi uffici commerciali, magazzini, filiali produttive, piattaforme logistiche, nel territorio belga della Vallonia, in grande espansione e alla ricerca di uomini e idee per creare nuovi sbocchi di lavoro. Non solo moda con l’Irpinia in questo caso in prima fila, ma anche parti meccaniche per treni, produzione di apparecchiature elettromagnetiche, distribuzione di prodotti alimentari tipici, editoria: numerosi i settori italiani coinvolti in questo progetto. A fare da tramite, a creare le basi per questo “tavolo di lavoro”, ci ha pensato l’Ambasciatore belga a Roma S.E. Vincent Mertens de Wilmars. A svolgere il ruolo di capofila per illustrare le finalità del progetto e le modalità operative da parte delle aziende italiane segnalate per far parte dell’iniziativa, c’era la Acsan Italia, società di consulenza specializzata per progetti di insediamento in Europa, sotto la direzione della signora Sophie Chelkoff con la presenza di diversi Manager Europe. La Chelkoff ha ufficialmente aperto il tavolo di lavoro e confronto, illustrando i punti dell’ordine del giorno. Tra le altre figure professionali presenti c’era un professore di dottrina fiscale, che ha chiarito gli aspetti legali del territorio nell’ambito di questo progetto di prospettiva di investimento da parte delle aziende italiane in Belgio. Si è discusso inoltre di soluzioni immobiliari connesse alle esigenze delle aziende investitrici. Un motivo di orgoglio, quindi, non c’è dubbio, per le nostre due aziende irpine, essere state indicate come possibili protagoniste di un progetto del genere. Soprattutto una grande occasione da valutare con attenzione per compiere un notevole salto di qualità. In conclusione, un momento importantissimo per l’imprenditoria irpina e campana. La Kiara & Co. e la A. Ricciarelli Moda hanno illustrato le loro credenziali e presentato il prospetto delle loro aziende. Per i giovani imprenditori irpini la possibilità concreta, con le loro aziende, di far parte di questa importante partnership Italia-Belgio. Una occasione per avviare nuovi approcci commerciali con l’estero da parte del nostro territorio, in un momento particolarmente delicato per l’economia nazionale. L’Irpinia e la Vallonia sono oggi quanto mai più vicine.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.