Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare, 48 arresti: coinvolta anche l’Irpinia

Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare, 48 arresti: coinvolta anche l’Irpinia

27 Ottobre 2020

Associazione mafiosa, riciclaggio, sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione illegale di armi ed esplosivi, truffe per il conseguimento di erogazioni pubbliche e concorrenza illecita con minaccia o violenza: sono le accuse a carico di 48 persone indagate a vario titolo nell’ambito di una inchiesta condotta dal Ros dei carabinieri, dal comando per la tutela Agroalimentare e dai comandi provinciali dell’Arma.

L’operazione – denominata “Grande Carro” – ha coinvolto le province di Avellino, Bari, Brescia, Brindisi, Chieti, Foggia, Forli’ Cesena, Imperia, Lecce, Napoli, Rimini, Salerno e Teramo.