‘Le frontiere della società multietnica’: i dati in un seminario

0
4

Avellino – Si terrà venerdì alle ore 16.00 presso lo Spi Cgil il seminario “Irpinia: le frontiere della società multietnica” organizzato da Cidis Onlus nell’ambito del progetto C.I.A.O. – III fase. All’incontro interverrà il professore Dario Spagnuolo, vicepresidente del Cidis e responsabile dell’Osservatorio Flussi Migratori, che illustrerà il panorama attuale della presenza migratoria in Italia, in Campania e nella provincia di Avellino, soffermandosi sulle dinamiche del lavoro e dell’insediamento. A lungo l’Irpinia è stata considerata solo una terra di emigrazione, tuttavia, il nuovo millennio si è presentato con un fenomeno relativamente nuovo: dal 2000 ad oggi, il numero degli immigrati è quasi quadruplicato passando da poco più di 2.000 a oltre 8.000 unità. Non si tratta più di emigranti di rientro ma gli immigrati di oggi hanno il volto delle donne ucraine e polacche, oppure quello dei cinesi. E’ un fenomeno nuovo, per questo poco conosciuto e spesso sottovalutato nelle sue implicazioni sociali ed economiche. E’ necessario interrogarsi su cosa fare per garantire una serena integrazione dei cittadini stranieri e quali prospettive si aprono in una società in profonda transizione. Lo scopo del seminario è proprio quello di analizzare le principali problematiche dell’inserimento degli stranieri nella società di accoglienza, e in particolare i fenomeni del razzismo e della discriminazione, cercando di comprendere dove affondino le radici e cosa sia possibile fare per rendere l’immigrazione un’opportunità e non un focolaio di conflittualità sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here