Le Acli in piazza per la pace. In Irpinia fiaccolate venerdì e sabato: “Tacciano le armi”

0
484

“Ci saremo anche noi delle Acli irpine nei presidi per la pace nel prossimo week end e poi il 5 novembre a Roma nella grande manifestazione promossa dalle centinaia di organizzazioni aderenti a Europe for Peace”. Lo conferma il Presidente provinciale Alfredo Cucciniello che chiama alla mobilitazione gli iscritti.

“Abbiamo ancora il coraggio di chiedere che tacciano le armi; siamo stanchi di essere criticati, sbeffeggiati e finanche insultati; a volte ci dicono di essere assenti, altre ci accusano di marciare a senso unico; in occasione delle nostre mobilitazioni degli ultimi otto mesi ci hanno persino accusati di essere fiancheggiatori di Putin e di voler mettere in discussione il sostegno al popolo ucraino senza distinguere tra invasori ed aggrediti. Si tratta di accuse ingiuste che provengono, nella migliore delle ipotesi, da analisi superficiali. Insieme a tante organizzazioni di laici e cattolici, associazioni grandi e piccole, rappresentanti della società civile, stiamo organizzando per il prossimo 5 novembre una grande manifestazione di popolo, rispondendo agli appelli di Papa Francesco, le cui parole, le cui preoccupazioni costituiscono la piattaforma unitaria di una moltitudine di persone inquietate dalla guerra, che non vogliono sentir risuonare i cannoni e il fragore delle bombe ma solamente la parola Pace. A scanso di equivoci ed in risposta ad accuse che abbiamo già sentito, ribadiamo che al Governo che sta per insediarsi chiederemo ciò che abbiamo chiesto invano anche a quelli di segno diverso che lo hanno preceduto, ovvero una iniziativa decisa affinché l’Europa apra un autentico negoziato di pace; non sono in discussione la solidarietà al popolo ucraino che peraltro abbiamo manifestato anche concretamente, né la ferma condanna a chi sta massacrando quel popolo, ma è solo un negoziato di pace, la forza della diplomazia, che può far cessare le bombe”.

La coalizione Europe for Peace, formata dalle principali reti per la pace in Italia con l’adesione di centinaia di organizzazioni, profondamente preoccupata per l’escalation militare che ha portato il conflitto armato alla soglia critica della guerra atomica, torna di nuovo nelle piazze italiane per chiedere percorsi concreti di Pace in Ucraina e in tutti gli altri conflitti armati del mondo.

Un nuovo passo comune che avviene dopo l’importante mobilitazione dello scorso 23 luglio (con 60 città coinvolte) e l’invio di una lettera al Segretario Generale ONU Guterres in occasione della Giornata della Pace per un sostegno ad azioni multilaterali, le uniche capaci di “portare una vera democrazia globale, a partire dalla volontà di pace della maggioranza delle comunità e dei popoli”. E dopo la quarta Carovana “Stop The War Now” recentemente rientrata dal Kiev dove ha portato il sostegno della società civile italiana ad associazioni ed obiettori di coscienza ucraini, oltre che nuovi aiuti umanitari.

L’appuntamento è per il weekend dal 21 al 23 ottobre (ad otto mesi dall’invasione russa e alla vigilia della Settimana ONU per il Disarmo) ancora una volta con l’invito – rivolto ad associazioni, sindacati, gruppi che già sono attivi da mesi – con iniziative di varia natura per rilanciare l’appello già diffuso a luglio con la richiesta di “cessate il fuoco” immediato affinché si giunga ad una Conferenza internazionale di Pace.

In Irpinia sono stati organizzati due presìdi, il giorno 21 a Sant’Angelo dei Lombardi, con una fiaccolata alle ore 20,00 in Piazza F. De Sanctis, e sabato 22 ad Avellino, alle ore 18.00 in Piazza Libertà, promossi da ACLI, ANPI, ARCI, AUSER, CGIL, Comunità Accogliente, ConfCooperative e Legambiente.

Nel testo sottoscritto dalle aderenti di Europe for Peace si sottolinea come “l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata” portando conseguenze nefaste “anche per l’accesso al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia europea e globale”.

Ribadendo la vicinanza alle popolazioni colpite dalla guerra si ricorda poi come occorra cercare una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali”, sottolineando come invece sia necessario “che il nostro Paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il negoziato avviando un percorso per una Conferenza internazionale di pace che, basandosi sul concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro”. Anche alla luce delle rinnovate ed inaccettabili minacce nucleari.

Rilanciata anche la posizione di base del movimento pacifista italiano fin dall’inizio del conflitto ucraino: “Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace” e per tale motivo viene proposta una nuova occasione nazionale di mobilitazione per la pace, con uno chiaro obiettivo: “TACCIANO LE ARMI, NEGOZIATO SUBITO! Verso una Conferenza internazionale di pace”.

Che la guerra non sia la soluzione ma sia una delle principali cause delle crisi da cui il nostro sistema e la nostra società non riescono più a liberarsi è sempre più evidente. La guerra scatena l’effetto domino in una società globalizzata, interdipendente, invadendo ogni ambito e spazio: crollano i mercati ed il commercio, aumentano i costi delle materie prime e di ogni unità di prodotto, l’inflazione galoppa ed i salari perdono potere d’acquisto, ritornano la fame, le carestie e le pandemie nel mondo. Dire basta alle guerre ed alla folle corsa al riarmo e nell’interesse di tutti e di tutte. E’ l’unica strada che ci può far uscire dalla crisi del sistema.