Democrat e renziani uniti per il rinnovo del consiglio d’ambito dell’Ato rifiuti

0
1090

Si entra nel vivo di un mese di marzo che potrebbe dire molto sui futuri equilibri della politica irpina. In attesa della celebrazione del congresso provinciale del Partito democratico, al quale – in seguito agli accordi definiti presso la direzione nazionale del partito – si arriverà con una lista unitaria che porterà all’elezione dell’avvocato Nello Pizza alla segreteria del partito, oggi scade il termine per la presentazione delle liste per il rinnovo del consiglio d’ambito dell’Ato rifiuti di Avellino. Le elezioni sono in programma il prossimo 16 marzo, dalle 8 alle 18, nel seggio elettorale insediato presso la sala Montevergine, al piano terra dello stabile di collina Liguorini che ospita la sede del piano d’ambito. Al termine delle operazioni di voto prenderà il via lo scrutinio. Il consiglio d’ambito dell’ente arriva a scadenza naturale con la gestione del commissario straordinario Antonello Barretta. Una decisione maturata in seguito alle dimissioni di tre consiglieri –Giovanni D’Ercole, Giuseppe Giacobbe e Michele Buonfiglio – che si sono aggiunti ai quattro consiglieri – il presidente Valentino Tropeano, Stefania Di Cicilia, Stefano Farina e Marco Santo Alaia – decaduti per non aver mantenuto il proprio status di sindaco alle ultime consultazioni amministrative. Nel pomeriggio di oggi arriverà l’ufficialità delle candidature dopo la pronuncia della commissione elettorale. Le elezioni per il rinnovo del consiglio d’ambito dell’Ato rifiuti potrebbero contribuire a ricucire lo strappo tra Democrat e renziani, che sono arrivati spaccati alle ultime elezioni provinciali. I maggiori partiti del centrosinistra sono al lavoro per arrivare alla consultazione per il rinnovo del consiglio d’ambito dell’Ato rifiuti con una sola lista, in cui possano trovare spazio i rappresentanti di tutte le forze. Sono chiamati al voto esclusivamente i sindaci in carica alla data delle elezioni – non prenderanno parte al voto i rappresentanti dei comuni di Pratola Serra, Montemiletto, Gesualdo e Grottaminarda, questi ultimi tre recentemente commissariati – che eleggeranno i propri rappresentanti distinti in tre fasce demografiche: sei consiglieri per i comuni fino a cinquemila abitanti, cinque consiglieri nella fascia intermedia fino a 30mila abitanti ed un consigliere per i comuni con popolazione superiore.