“Irpino dell’anno” nel segno di Ida Colucci. “Una giornalista appassionata attaccata all’Irpinia”

“Irpino dell’anno” nel segno di Ida Colucci. “Una giornalista appassionata attaccata all’Irpinia”

26 Ottobre 2019

Alpi – Ha commosso anche il Prefetto di Avellino. Il ricordo della giornalista Rai Ida Colucci – ex direttrice del Tg2 – prima nelle parole del servizio video del collega Riccardo Di Blasi e poi in quelle del fratello Andrea, è stato struggente, bello, intenso. A lei, il premio “Irpino dell’anno” ha voluto conferire un tributo speciale, consegnato al fratello stesso ed alla mamma. “Una donna speciale ed una giornalista appassionata”, il ricordo unanime della giornalista scomparsa il 19 agosto scorso e che oggi è sepolta nella “sua” Sant’Angelo a Scala.

“E’ sempre stata attaccata all’Irpinia”, dice il fratello. “Del resto, lo diceva sempre che chi l’ha spronata a fare la giornalista è stato un suo maestro delle elementari che lei ha frequentato tra Villamaina e San’Angelo dei Lombardi. Aveva un ricordo intenso di questo. Ogni volta che faceva ritorno in Irpinia, per lei era una gioia immensa. Peccato ci abbia lasciati così presto ma sono sicuro che ci starà guardando e che sarà felice, perché a lei piacevano feste come questa”.

Molto emozionata il Prefetto Tirone. “Anche io ho perso un fratello e quindi capisco cosa si possa provare. Ida Colucci è stata una giornalista appassionata, molto in gamba”. E’ stato suo collega per tantissimo tempo Andrea Covotta, di Ariano Irpino, giornalista di Rai 2. “Quando ha diretto il telegiornale, è stata una direttrice innovativa e coraggiosa. Sapeva perfettamente che fare la giornalista era un impegno civile e morale”.