Ipinia Pride, domani a Mercogliano anche Don Vitaliano Della Sala

0
1286

All’Irpinia Pride 2022 – Rivoluzione di Pace, la marcia per i diritti LGBT+ che
domani dipingerà dei colori dell’arcobaleno le strade principali della città di
Mercogliano, ci sarà anche un intervento del prete irpino, don Vitaliano Della
Sala.

L’attuale direttore della mensa-dormitorio “Don Tonino Bello” di Avellino
nonché parroco di Capocastello – l’antico borgo frazione di Mercogliano – è
sempre stato al centro del dibattito pubblico, locale e nazionale, per le
battaglie progressiste che negli anni ha portato avanti, schierandosi ogni volta
al fianco degli indifesi e dei discriminati.

Già nei giorni scorsi, quelli che hanno accompagnato l’organizzazione del
Pride, don Vitaliano ha dimostrato grande vicinanza e supporto ad “Apple Pie:
l’amore merita LGBT+” – l’associazione avellinese che ha ideato e creato
l’evento – prima partecipando alla conferenza stampa di presentazione e, poi,
invitando il presidente di “Apple Pie”, Antonio De Padova Battista, a parlare ai
propri fedeli alla fine della messa domenicale che ha celebrato nella chiesa
dei “SS. Pietro e Paolo” di Capocastello.

Alla presenza della Stampa, don Vitaliano ha dichiarato: «In questi anni
anche in Irpinia abbiamo fatto tanti passi in avanti, pure se il cammino è
faticoso e tanti altri ne restano da fare. Per quanto mi riguarda, io appartengo
a una Chiesa progressista, dunque ritengo che anche un tradizionalista
debba avere il proprio spazio e la possibilità di esprimersi all’interno della
propria Chiesa e comunità. Ecco, non è così dall’altra parte. Ho infatti spesso
sentito dire “No, la mia Chiesa è quella fatta solo da persone che la pensano
come me”.
Perciò – ha concluso – spero davvero che dal 30 luglio in poi anche nei nostri
territori ci si cominci a confrontare davvero su queste tematiche. E il confronto
non può fare altro che bene».