Intervista ad un cercatore di funghi irpino: “Questo è un anno prospero”

0
130

leporePasquale Manganiello – Questo potrebbe essere un anno prospero per la raccolta di funghi in Irpinia. Sono, infatti, già tantissime le foto postate su facebook da decine di cercatori di funghi che hanno riscontrato in questo questo pazzo settembre il clima ideale per dilettarsi in questa che è una vera e propria passione oltre che una “vocazione culinaria”.

Abbiamo chiesto ad un cercatore di funghi irpino, Gerardo, se questo è davvero l’anno buono per una succulenta raccolta in particolare di porcini:

“Sicuramente le premesse fanno pensare che possa essere un anno straordinario per la raccolta di funghi. Nelle mie ultime uscite sono riuscito a portarne a casa molti.”

Quanti?

“Finora un centinaio.

Qual è il momento ideale per andarli a cercare?

“Di solito la mattina presto ma non è detto che una sortita nel primo pomeriggio possa essere infruttuosa. Di solito dipende dai posti, dalla tua perseveranza e, qualche volta, dalla fortuna.”

Quali sono i posti che preferisci?

“Porta male dire i posti in cui ti rechi per trovarli. Quelli fanno parte del tuo ‘segreto professionale’, se così possiamo definirlo. Ma direi che buona parte dell’Irpinia ti permette di sentirti soddisfatto al ritorno da un’escursione nei boschi. Io di solito mi reco nella zona tra Montefusco e Torrioni.”

Che emozione si prova?

“Sicuramente vederli lì, magari nascosti da qualche cespuglio, ti offre una bella sensazione. Bisogna essere pazienti, conoscerli, saperli distinguere, magari le prime volte accompagnarsi a cercatori esperti, ma è una pratica che ti mette a contatto con la natura e che ti fa stare bene con te stesso. Consiglio a tutti di provare… non solo a mangiarli!”

funghiIl territorio irpino è stato sempre considerato prospero per i cercatori di funghi e di tartufi. Gli angoli di natura selvaggia e incontaminata offrono, infatti, l’habitat naturale per lo sviluppo e la crescita di queste delizie culinarie.

L’Irpinia è famosa per i suoi funghi porcini, profumatissimi e ricchi di sapore; poi ci sono i gallinacei, i chiodini, le creste di gallo ed altre varietà.  Nello specifico le montagne dell’Alta Irpinia, di Montemarano, di Nusco, di Bagnoli Irpino, di Montefusco, di Cassano Irpino e di tutta la catena dei monti Picentini fino ad arrivare al Serinese sono zone rinomate per la presenza di funghi.

Questi preziosi ingredienti caratterizzano molte ricette tipiche  a base di funghi, che ben si sposano con i prodotti caseari e le carni dei pascoli irpini. Tagliatelle ai funghi porcini,  tagliate di manzo locale con funghi e patate sono alla base della cucina irpina di questo periodo, accompagnata sempre rigorosamente dai vini che caratterizzano il nostro territorio.