Arezzo, sequestro milionario: l’Irpinia nel passato dell’imprenditore

Ad Arezzo, in una inchiesta Antimafia, è stato eseguito un sequestro nei confronti di una impresa legata a un imprenditore, il cui passato si incrocia con l'Irpinia.

0
2428

La Guardia di finanza di Arezzo ha sequestrato beni per un milione e mezzo di euro a una società aretina, legata a un imprenditore condannato in via definitiva per associazione di stampo mafioso, e considerato dagli inquirenti vicino al gruppo criminale avellinese, “Bove-De Paola”. Una indagine che si è spinta molto indietro nel tempo. Si va dal 1990 al 2018. Gli inquirenti miravano a dimostrare le grandi discrepanze fra il patrimonio disponibile all’indagato, in modo diretto e indiretto, e quello dichiarato. Lo scorso anno il Tribunale di Firenze – Ufficio Misure di Prevenzione aveva già emesso un decreto di sequestro, eseguito poi a giugno dalla Questura di Arezzo e dalla Guardia di Finanza di aretina. Provvedimento che aveva “vincolato” i medesimi beni aziendali colpiti ora dalla confisca.