Immatricolazione auto con documenti falsi, cinque arresti

Immatricolazione auto con documenti falsi, cinque arresti

19 Giugno 2020

di AnFan – Sono nove le misure cautelari (3 arresti in carcere, 2 ai domiciliari e quattro obblighi di dimora) eseguite dalla Guardia di Finanza di Genova, guidata dal colonnello Ivan Bixioche, per una frode fiscale da 9 milioni di euro.

A essere colpita è una rete criminale che operava nel settore del commercio delle automobili. Un sistema che si basava sull’abbattimento dell’Iva attraverso diversi stratagemmi, come documenti falsi relativi ad auto acquistate da private fuori nazione, con gli acquirenti che avevano l’Iva assoggettata al paese d’origine. Nel mirino è finito un centro pratiche genovese. Riuscivano a eseguire anche duecento procedure fasulle al mese.

Le perquisizioni delle sede locali delle persone coinvolte sono durate per tutta la giornata. La rete agiva praticamente in tutta Italia: Genova, Savona, Milano, Roma e Avellino.