Illuminare gli esterni: quali sono gli errori da evitare

Illuminare gli esterni: quali sono gli errori da evitare

23 Aprile 2020

Inutili sprechi di energia, bollette della corrente troppo salate, sciami di insetti che invadono il giardino: sono solo alcune delle tante conseguenze negative che possono essere causata da una decisione sbagliata nella scelta dell’illuminazione per esterni. Ne parliamo con lo staff di lampadadiretta.it, che ci aiuta a effettuare acquisti oculati e consapevoli in questo settore.

La luce indiretta e quella diretta

La luce indiretta in molti casi è da preferire rispetto a quella diretta, che può risultare fin troppo invadente. Quando si parla di luce indiretta si fa riferimento a luce riflessa che assicura un comfort visivo ottimale, tale da avere effetti benefici sia in termini di sicurezza che dal punto di vista dell’atmosfera che si può ricreare. La luce indiretta permette agli occhi di adattarsi al contesto: si può dire addio ai fasci troppo forti, quasi accecanti. D’altro canto, la qualità della luce di cui si usufruisce all’esterno della propria casa (così come all’interno, ovviamente), è destinata a incidere sul benessere di ogni persona che frequenta quel luogo: il legame tra illuminazione e salute – sia fisica che mentale – è ormai riconosciuto, ed è per questo che non si può sottovalutare l’importanza di una scelta attenta. Decidendo di acquistare lampade da esterno led su lampadadiretta.it, per esempio, si ha la certezza di non correre rischi.

Come illuminare gli ambienti esterni di una casa

Nella maggior parte dei casi, quando si sbaglia l’illuminazione esterna della casa ciò dipende dal timore di non vedere abbastanza bene dopo il tramonto: di conseguenza si finisce per optare per lampade che riescono a fendere il buio e che assicurano il livello di potenza di un bagliore solare. Il problema è che con un’illuminazione eccessiva si ha a che fare con una luce diretta che non è schermata. Il consiglio, dunque, è di rivolgersi a un professionista del settore che sappia indicare il prodotto migliore e che, soprattutto, sia consapevole di tutte le regole alla base della gestione della luce.

I consigli per una illuminazione ottimale

Quando si pensa all’illuminazione di un ambiente, sia esso esterno o interno, non si deve commettere l’errore di pensare che sia sufficiente acquistare una lampada e poi installarla per raggiungere il risultato auspicato. È importante, per esempio, essere consapevoli dello scopo a cui è adibito l’ambiente che deve essere illuminato, quali attività vi si dovranno svolgere e in quali ore del giorno sarà frequentato. Ma non è tutto, perché è necessario conoscere con cura l’architettura degli spazi, così da verificare quali siano i punti strategici nei quali le lampade devono essere installate in modo che risultino efficaci. Appare evidente che si tratta di un lavoro che richiede una preparazione consistente e che non può essere improvvisato.

La creazione di un ambiente efficiente

Per riuscire a dare vita a un ambiente che garantisca la massima efficienza sotto il profilo dell’illuminazione occorre una buona dose di esperienza, ma c’è bisogno anche di quella sensibilità che serve per trovare un impianto che risulti discreto ed elegante al tempo stesso. Per quel che riguarda le luci da esterno, la fobia di non riuscire a vedere al buio porta molte persone a scegliere luci per l’esterno dirette. Esse ignorano, però, che si tratta di un esempio di illuminazione non adeguato: nel momento in cui si guarda una sorgente luminosa in maniera diretta, succede che le pupille si adattino all’oscurità, e di conseguenza tutto intorno appare nero.

Perché la luce diretta non va bene

Anche se in teoria si potrebbe pensare che una luce molto forte l’illuminazione migliori, in realtà la situazione peggiora. L’effetto che ne deriva, in pratica, è quello di bruciare gli elementi che sono presenti nel cono di luce; al tempo stesso, tutti gli altri oggetti restano immersi nell’oscurità. Per paradosso, una soluzione di questo tipo è perfino più pericolosa rispetto al buio vero e proprio: quando è buio, infatti, l’occhio dopo alcuni minuti è in grado di adattarsi all’assenza di luce in maniera naturale. Ecco spiegato il motivo per il quale conviene propendere per una luce indiretta, che fa sì che l’occhio resti protetto e rilassato. Poco conta che la luce sia solo sotto o solo sopra: ciò che importa è evitare gli effetti collaterali di una luce diretta, che sarebbe sbagliata e perfino pericolosa.

In conclusione, non ci rimane che ringraziare il team di lampadadiretta.it e invitarvi a scegliere questo e-commerce per i vostri acquisti: si tratta di un negozio online che può contare su quasi 30 anni di esperienza nel comparto dell’illuminazione e che oggi vanta la leadership assoluta nel mercato di riferimento a livello continentale, grazie a soluzioni di illuminazione rispettose dell’ambiente e, soprattutto, convenienti.