Il Parco del Partenio senza barriere, sabato si presenta la K-bike

0
1038

Un parco inclusivo. E’ quello del Partenio che si conferma un ente sensibile e pronto a condividere con tutti le bellezze naturali del meraviglioso territorio che ricade nei comuni di ben quattro provincie campane. Il Parco regionale, presieduto da Franco Iovino, si sta dotando di strumenti e tecniche che lo rendono fruibile anche a persone con disabilità motoria. E’ arrivata in provincia di Avellino la nuova K-bike del Parco regionale del Partenio che sarà presentata ufficialmente sabato 8 ottobre a Summonte. Grazie al Parco, tutti potranno vivere il mondo dello sport e della montagna e potranno partecipare, in aggregazione anche con la famiglia, a occasioni ludiche e di condivisione. La K-bike è un efficace strumento di libertà per le persone con disabilità e permette a chi ha problemi motori, anche gravi, di partecipare alle escursioni in montagna.

Sabato mattina, a partire dalle 10, la presentazione presso la sede dell’ente a Summonte. Il Parco illustrerà i propri intenti di inclusione e formazione. Sarà poi la volta della consegna degli attestati di partecipazione al primo corso per conduttori di K-bike e, infine, ci sarà una dimostrazione pratica della K-bike stessa lungo il percorso ambientale di Summonte.

“Siamo molto orgogliosi e soddisfatti di poter mettere a disposizione questo servizio di inclusione. Il Parco del Partenio è accessibile a tutti, questo il nostro obiettivo. Non ci devono essere barriere”, sottolinea il presidente del Parco Franco Iovino che parteciperà sabato alla presentazione della K-bike. Ci saranno anche Maria Venditti, presidente del consiglio comunale di Telese Terme, Carmine Mellone, presidente del comitato paralimpico regionale, Luigi Milano, presidente associazione “Sorrento senza barriere”, Renato Troncone, presidente Uisp comitato territoriale Avellino-Benevento ed il comitato tecnico scientifico del Parco del Partenio.

L’iniziativa ha il patrocinio del consiglio regionale della Campania e del garante regionale dei diritti delle persone con disabilità.