Il futuro dell’Alta Irpinia: pronto un dossier da consegnare a De Luca

0
269

Alpi – Il futuro dell’Alta Irpinia sta particolarmente a cuore ai giovani della zona e non solo. L’assemblea tenutasi ieri pomeriggio a Sant’Andrea di Conza, ha registrato una buona partecipazione. Oltre 150 persone hanno preso parte al confronto organizzato, tra gli altri, da Stefano Carluccio, il quale ha anche coordinato i lavori. Molti gli spunti emersi. C’è stata una profonda e dettagliata analisi delle problematiche. Il tutto, però, accopagnato anche da un ricco elenco di proposte. Non uno sterile dibattito, dunque. Quanto emerso sarà condensato in un documento che sarà preparato nei prossimi giorni e che sarà consegnato direttamente al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. A fare da “tramite” Francesco Todico, consigliere per le aree interne, ieri presente al dibattito.

Nel documento, si chiederà di puntare sui corsi di formazione professionale; di prevedere la realizzazione di infrastrutture ferroviarie da Salerno alla stazione Hirpinia; di valorizzare il campo sperimentale di Sant’Andrea di Conza; di utilizzare la Avellino-Rocchetta Sant’Antonio anche per trasporto merci; di dare vita ad un consorzio per la gestione dei parchi eolici; di creare una zona franca e una zes per l’Alta Irpinia; di puntare sulla promozione e vendita delle eccellenze agroalimentari; di prevedere la pianificazione industriale e la finalizzazione del progetto pilota.

L’assemblea di ieri, assicurano gli organizzatori, è soltanto un punto di partenza. Di confronti ne saranno organizzati altri e, questa volta, saranno tematici. Si spazierà su sanità, trasporti, istruzione, industria, turismo, agricoltura.