I militari della Caserma Berardi da Avellino a Caltanisetta per l’operazione Strade Sicure

I militari della Caserma Berardi da Avellino a Caltanisetta per l’operazione Strade Sicure

6 Novembre 2015

Costantemente impegnato in operazioni su tutto il territorio nazionale ed all’estero, il 232° Reggimento Trasmissioni di Avellino sarà a breve impiegato anche nell’Operazione nazionale “Strade Sicure” presso il Centro di Espulsione di Pian del Lago in Caltanissetta.

Il Colonnello Antonio Iurato, Comandante di Reggimento, a tal proposito ha approntato e predisposto che una Task Force partirà per raggiungere la località siciliana oggetto dell’operazione.

Il personale si occuperà di mantenere l’ordine e la sicurezza all’interno del centro deputato ad accogliere l’arrivo di migranti provenienti dai Paesi extraeuropei, oggetto di crisi internazionali. Il ruolo svolto dall’Esercito Italiano e nella fattispecie dai militari avellinesi, nel controllo del personale extra-comunitario, assume una connotazione di importanza rilevante, in quanto i centri di Identificazione e di Espulsione sono infatti rivolti a controllare che personale sospetto o “non gradito” non possa in alcun modo rappresentare una minaccia e per i cittadini italiani e per la comunità internazionale in senso lato.

Il Reggimento non è nuovo ad attività di questo tipo, infatti, oltre ad essere stato già impegnato in territorio siciliano (Trapani nel 2013, Caltanissetta nel 2015) ha svolto il medesimo servizio presso il Centro di Accoglienza (CARA) di Crotone da maggio a settembre dell’anno corrente. L’Esercito Italiano ancora una volta conferma il ruolo di attore protagonista nel campo della tutela della sicurezza nazionale ed internazionale, quale istituzione al servizio del cittadino.

Nell’ambito dell’operazione Strade Sicure, i militari di Esercito, Aeronautica e Carabinieri sono quotidianamente impegnati nei seguenti compiti: sorveglianza a obiettivi sensibili di carattere diplomatico, religioso e di pubblica utilità; perlustrazione e nel pattugliamento in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia; vigilanza e assistenza presso i Centri di accoglienza per immigrati (Centri di Identificazione ed Espulsione, Centri di Accoglienza e Richiedenti Asilo, Centri di Accoglienza, Centri di Prima Accoglienza, Centri di Soccorso e Prima Accoglienza, Centri di Permanenza Temporanea); prevenzione e repressione dei reati ambientali (sversamento incontrollato di rifiuti ed i conseguenti roghi illegali) al fine di facilitare il recupero delle aree agricole contaminate della Campania; contribuire alla sorveglianza dell’area EXPO Milano anche attraverso il controllo dei varchi d’accesso riservati alle forniture.

Nello svolgimento dei loro compiti, il personale delle Forze Armate agisce con le funzioni di agente di pubblica sicurezza, pertanto, può procedere all’ immediata identificazione e perquisizione di persone e mezzi anche al fine di prevenire o impedire comportamenti che possono mettere in pericolo l’incolumità di persone o la sicurezza dei luoghi vigilati.

Per eventuali ulteriori accertamenti e per procedere a tutti gli atti di polizia giudiziaria, è previsto il ricorso agli uffici o comandi della Polizia di Stato o dell’Arma dei Carabinieri.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.