I due Mattei secondo Ciriaco De Mita: “A Renzi manca il pensiero, Salvini emette suoni”

I due Mattei secondo Ciriaco De Mita: “A Renzi manca il pensiero, Salvini emette suoni”

23 Ottobre 2019

Renato Spiniello – “Le opinioni di Matteo Renzi sono di una stupidità insopportabile. Non ha pensiero. Sì, ha un eloquio che appare brillante, ma è senza senso. Matteo Salvini, invece, è il portavoce di una quantità di meccanismi di comunicazione, che non è più pensiero ma suono. Lui suona mica parla ed è sempre un suono breve. Non parla a lungo, ma neanche dice le cose essenziali. Emette suoni”.

E’ il De Mita pensiero dei due Mattei (Renzi e Salvini), espresso durante un’intervista andata in onda nei giorni scorsi su La7 nel programma di approfondimento Tagadà. Il leader di Nusco svela di aver commesso l’ultimo errore di pietà nei confronti del promotore di “Italia Viva” quando questi è stato il primo a indicare la riconferma di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, tuttavia – precisa Ciriaco De Mita – “mai avrei potuto immaginare che lo avesse mandato lì per fare la guerriglia”.

Sul leader della Lega, l’ex premier è altrettanto tranchant: “Da Ministro dell’Interno non è mai stato al ministero. Nella mia memoria avveniva l’esatto contrario, ovvero che il Capo del Viminale non usciva mai”.

“Entrambi – conclude l’attuale sindaco di Nusco – sono personaggi singolari e non a caso si sono confrontati a Porta a Porta, perché pensano di aiutarsi. Nessuno dei due, però, si misura con le difficoltà che ci attraversano”.