Quanta grazia concessa dal Rieti: l’Avellino scaccia la crisi

Quanta grazia concessa dal Rieti: l’Avellino scaccia la crisi

24 Novembre 2019

di Claudio De Vito. L’Avellino si mette alle spalle la crisi superando il Rieti grazie ad inizio sprint di partita. Il 3-1 del Partenio archivia le quattro sconfitte di fila e al tempo stesso interrompe l’astinenza casalinga durata quasi tre mesi. Biancoverdi col piglio giusto al pronti via e dopo 18 minuti già con lo spumante in ghiaccio grazie all’autogol di De Paoli, al sinistro di Micovschi e all’incornata di Charpentier. Poi lo squillo di Zanchi e qualche affanno di troppo che però non alterano la direzione intrapresa dalla gara. Il ritorno alla vittoria consente alla squadra di Capuano di allungare in classifica proprio sul diretto avversario, ma anche di agguantare Picerno e Paganese.

Confermati entrambi gli schieramenti rispetto alle attese della vigilia. L’Avellino cambia pelle con il 3-4-3 varato da Capuano per l’occasione: Micovschi e Karic supportano Charpentier nell’attacco orfano di Albadoro out per motivi disciplinari, Morero si riprende il posto al centro della difesa spodestando Zullo. Nel Rieti orfano dell’esperienza di Aquilanti in difesa, Caneo deve fare di necessità virtù e si aggrappa al tridente De Paoli-Beleck-Marcheggiani.

Primo tempo – Avvio determinato da parte dell’Avellino che spinge subito sull’acceleratore e già al 3′ prima sfiora il vantaggio e poi lo trova. Karic pesca in area Parisi che addomestica il pallone e spara a a botta sicura a tu per tu con il portiere che devia in angolo. Sull’azione da corner, Micovschi pennella col mancino e trova la correzione in rete vincente da parte di De Paoli: dopo 229 minuti è di nuovo gioia biancoverde nella porta avversaria.

Lupi avanti alla seconda chance e al 14′ addirittura sul 2-0: De Marco pressa Gigli in area reatina, il pallone schizza sul sinistro di Micovschi che vale il raddoppio. E’ tutta sua questa volta la marcatura. Ma il festival biancoverde prosegue con il rumeno che in versione assist-man lascia sul posto Granata e trova la schiacciata di testa di Charpentier che interrompe il digiuno personale dopo un mese.

Tutto troppo facile per gli uomini di Capuano che al 27′ però si rilassano ed incassano il punto dell’1-3: Esposito guadagna il fondo a destra e vede nel cuore dell’area Zanchi che a rimorchio con un rigore in movimento rimette in piedi le speranze amarantocelesti.  Al 32′ invece ci vuole un super Tonti per respingere il tentativo di De Paoli che davanti al portiere non riesce a farsi perdonare l’autorete iniziale.

Sette minuti dopo il Rieti fa ancora paura con Marcheggiani che arriva alla conclusione dal limite, Laezza si oppone come può, la palla capita tra i piedi di Beleck che però da pochi passi non riesce a girare in porta. Pericolo scampato per l’Avellino, spietato negli ultimi sedici metri ma come al solito sbadato in difesa: può bastare così per i primi 45 minuti.

Secondo tempo – Si riprende con il 3-5-2 biancoverde favorito dall’ingresso di Silvestri al posto di Karic. L’Avellino amministra il doppio vantaggio e tiene basso il ritmo. La spinta dei padroni di casa torna al quarto d’ora, quando Parisi ha una chance dalla sinistra con il tiro-cross che Zampa rischia di spedire nella propria porta per anticipare Charpentier. Poi ci prova De Marco dal fondo con il cross teso che Addario disinnesca come può.

L’Avellino è padrone assoluto del campo e al 23′ va ancora più vicino al poker con lo scatenato Micovschi che si invola verso la porta e una volta in area scocca il diagonale che sfiora il palo lontano. Il rumeno si ripete sei giri di lancette dopo da posizione migliore: a tu per tu spreca malamente facendosi ipnotizzare da Addario. Poco male per i lupi che non affondano il colpo, ma non registrano nemmeno il ritorno del Rieti. Il Partenio può tornare a sorridere dopo 78 giorni.

Avellino-Rieti 3-1, il tabellino

Marcatori: 3′ pt aut. De Paoli, 14′ pt Micovschi, 18′ pt Charpentier, 27′ pt Zanchi.

Avellino (3-4-3): Tonti; Illanes, Morero, Laezza (50′ st Palmisano); Celjak, Di Paolantonio, De Marco (50′ st Rossetti), Parisi; Micovschi (42′ st Evangelista), Charpentier (25′ st Alfageme), Karic (1′ st Silvestri).

A disp.: Pizzella, Abibi, Zullo, Njie, Carbonelli, Petrucci. All.: Capuano.

Rieti (3-4-3): Addario; Tiraferri, Gigli (20′ pt Tirelli), Granata; Esposito, Palma (45′ st Arcaleni), Zampa (45′ st Del Regno), Zanchi; De Paoli, Beleck (45′ st De Sarlo), Marcheggiani.

A disp.: Pegorin, Marino, Bellopede, Poddie, Nallo. All.: Caneo.

Arbitro: Fiero di Pistoia. Assistenti: Bonomo di Milano e Biffi di Treviglio.

Note: paganti 556, abbonati 2.952, ammoniti 29′ pt Morero, 4′ st Zampa, 9′ st Zanchi, 49′ st Tiraferri per gioco scorretto, angoli 4-3, recuperi 4′ pt e 5′ st.