In giro con un chilo di cocaina, rimedia 5 anni e finisce ai domiciliari

0
1766

Si è concluso questa mattina, dinanzi al Gip del Tribunale di Avellino, il processo a carico del 30enne di San Martino Valle Caudina scoperto a fine agosto scorso dal personale della Squadra Mobile di Avellino, nell’ambito di un servizio a largo raggio predisposto dalla Questura nell’area della Valle Caudina con un chilo di cocaina nascosta in auto.

Il Pubblico Ministero ha chiesto la condanna a 6 anni di carcere (partendo da una pena base di 9 anni) in considerazione sia dell’imponente quantitativo rinvenuto, sia della qualità purissima dello stupefacente, che avrebbe consentito di confezionare ben oltre 5.300 dosi medie.

Di diverso avviso la difesa, rappresentata dagli avvocati Valeria Verrusio e Mauro Alvino che, oltre a convincere il giudice della episodicità del fatto e della necessità di applicare una pena più mite al giovane, ha chiesto la immediata sostituzione della misura cautelare del carcere con quella degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Le istanze difensive sono state entrambe accolte dal Giudice che, all’esito della lunga camera di consiglio, ha corrisposto una condanna a 5 anni e disposto la immediata sostituzione della misura cautelare in carcere con quella degli arresti domiciliari.