Gioco: quanti guai a causa delle chiusure. Scommesse clandestine tornate anche in Irpinia

Gioco: quanti guai a causa delle chiusure. Scommesse clandestine tornate anche in Irpinia

26 Luglio 2021

Dopo mesi e mesi, il settore del gioco ha visto un ritorno alla normalità. Sì, perché si tratta di un settore che è stato particolarmente vessato a causa delle restrizioni previste dal Governo, per cercare di contrastare la pandemia che è ancora in corso. Da quel marzo 2020, fino a questa estate, non c’è stato un minimo di spiraglio per un settore che ha visto un blocco totale durato oltre quindici mesi. Ciò, come vedremo meglio nel dettaglio, ha portato una serie di conseguenze determinanti, sia per quanto concerne gli imprenditori del settore e i dipendenti, ma anche per tante altre problematiche correlate.

Perché le riaperture sono così importanti?

Spesso si considera questo settore quasi come una categoria un po’ bistrattata. Purtroppo, però, non ci si rende conto di quanto sia importante sotto molti punti di vista. Per prima cosa bisogna considerare che ci troviamo difronte ad un settore che rappresenta oltre l’1% del PIL nazionale: il giro di danaro che è legato al gioco legale, è molto rilevante nel nostro Paese. Parliamo di miliardi di euro, gran parte dei quali finiscono nelle casse erariali e possono essere reinvestiti in altri settori.  Oltretutto, si parla di centinaia e centinaia di imprenditori coinvolti, con migliaia di dipendenti.

Il gioco, ricordiamo, è legale in Italia da oltre 25 anni e non può essere considerato un settore di minor importanza rispetto ad altri. Ma è sotto un altro punto di vista che le riaperture delle sale da gioco sono state essenziali: il gioco illegale. Ciò che non viene compreso da tutti, infatti, è che a causa dell’impossibilità di poter giocare legalmente nelle varie sale da gioco preposte, moltissime persone hanno cominciato ad affidarsi alle sale da gioco illegali: un po’ come quelle sale clandestine che negli anni Settanta erano tanto in voga.

Solo nel 2020 sono state arrestate oltre 1200 persone in tutta Italia poiché attive nel settore del gioco d’azzardo illegale. Un numero impressionante, più alto di circa il 250% rispetto all’anno precedente. E non solo, tutte queste sale da gioco sono ovviamente in mano alla criminalità organizzata: quindi, questa ha trovato terreno fertile in una situazione molto complessa per il nostro Paese.

D’altronde, molti imprenditori e politici hanno più volte confermato quanto fosse importante riaprire il settore per non trovarsi in situazioni spiacevoli e per non arricchire la criminalità organizzata. Possiamo dirlo senza mezzi termini che il gioco legale e le riaperture hanno potuto favorire il contrasto a quest’attività illegale.

Situazione in Irpinia

La situazione in Irpinia è stata abbastanza simile al resto d’Italia. La Guardia di Finanza ha operato in maniera costante nel territorio della provincia di Avellino, mettendo su un’attività di intelligence e monitoraggio, insieme al lavoro dell’arma dei Carabinieri. Sono stati effettuato diversi controlli negli esercizi, così come sono stati tanti i sigilli posti in essere: in prevalenza, si parla di apparecchiature telematiche che venivano utilizzate per giocare online.

È stato possibile riscontrare come fossero diverse le attività che hanno continuato ad operare nonostante le restrizioni, anche in primavera. Di solito venivano utilizzato conti di gioco intestati a terzi, più difficilmente rintracciabili. È stata la stessa cronologia di navigazione ad aver tradito i trasgressori: grazie a queste, le forze dell’Ordine hanno potuto constatare vari illeciti. Alcuni esercizi sono stati multati per cifre vicine ai 15 mila euro, mentre i titolari sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per reato di raccolta abusiva di scommesse.

Chiusure: gioco tutt’altro che fermo

A parte il discorso legato al gioco d’azzardo, è da segnalare il fatto che il gioco non si sia fermato in alcun momento. Anche con le chiusure, infatti, gli utenti hanno potuto continuare la loro attività attraverso i siti scommesse online, enormemente diffusisi nel corso degli ultimi mesi. Difatti, non si è giocato di meno in questo lungo periodo di chiusure, tutt’altro: i dati parlano di una crescita di utenza nei siti di gioco di oltre il 40% rispetto all’anno precedente. Oltre al fatto che sono molti di più anche i siti di gioco rispetto al passato.

Un processo, però, che è stato graduale e legato in maniera molto intrinseca alle innovazioni tecnologiche. Sì, perché la possibilità di fruire di questi servizi direttamente in rete, con un device che si connetta ad internet, è sicuramente stata una innovazione senza precedenti. Parliamo di app e siti responsive che sono entrati ormai nell’uso comune, utilizzati anche da chi non ha mai avuto una dimestichezza particolare con questo tipo di funzionalità e dispositivi.

Consideriamo, inoltre, che l’offerta è migliorata in maniera drastica grazie alla domanda crescente. Il servizio è stato adeguato al livello di utenza, sempre più esigente. Per esempio, il fatto che gli utenti possano scegliere un sito in base ad alcuni fattori fondamentali è stato altrettanto determinante per il successo dell’online. Facciamo riferimento a fattori come quelli legati al bonus di benvenuto, un bonus in denaro virtuale o in altra forma che viene assicurato agli utenti al momento dell’iscrizione e che varia a seconda del sito di riferimento.

Le differenze sostanziali possono essere anche ricercate nel tipo di offerta per quanto riguarda la vastità di giochi disponibili. Oggi come oggi è difficile pensare ad un sito che non offra la possibilità di giocare ai giochi tradizionali, quelli più giocati e diffusi: parliamo di poker, roulette, slot machines e tutti quei giochi di carte che gli italiani amano particolarmente. Lo stesso bingo è risultato essere uno dei giochi più amati e attualmente giocati in rete.

Insomma, il vero e proprio boom che ha caratterizzato il settore del gioco, nella sua versione online, ha scatenato una serie di concause molto rilevanti. La stessa figura del giocatore ha cominciato a mutare, visto e considerato che ha cominciato a comprendere che avrebbe potuto ottenere una serie di vantaggi e di servizi non da poco, rispetto al passato. Proprio per questo motivo, i principali bookmakers e le società che si occupano di gioco online sono sempre di più intenzionate a motivare ed incentivare l’utente con offerte nuove.