Garzon:”Arrivo in una grande e ritrovo un tecnico eccezionale”

0
3

Alla fine il matrimonio tra l’Avellino e Stefano Garzon si è fatto. Il centrocampista veronese classe 81’ è da sempre un pupillo del tecnico Galderisi che lo aveva cercato già la scorsa estate. Per lui, si tratta di un ritorno in serie C, dopo due campionati tra i cadetti con le maglie di Pescara e Cremonese(55 presenze e 5 goal). I lupi hanno legato al mediano veneto un amaro ricordo infatti, nella sfida salvezza dello scorso 25 febbraio (Cremonese –Avellino 1 a 0); Garzon siglò un grandissimo goal da fuori area. Quindi, dopo sei stagioni i due tornano a lavorare insieme. Infatti, era stato proprio l’allenatore salernitano a lanciarlo tra i professionisti nella stagione 2000-2001. Per lui 102 presenze e 4 reti in C2 con le maglie di (Cremonese e Pavia), in C1 invece 41 gettoni e 3 marcature con le casacche di Varese ed Acireale. A novembre il debutto in serie A contro la Sampdoria: “Sono molto soddisfatto.– afferma il calciatore-Arrivo in una società ambiziosa. In una squadra che sta disputando un grandissimo campionato. So che mi volevano da tempo. Sono davvero felice per questa mia nuova avventura”.
Avellino piazza giusta per il rilancio quindi?
“Sicuramente. Cercavo nuovi stimoli, non potevo chiedere di più. Sono onorato di far parte di un gruppo vincente, composto da calciatori importanti per la categoria”. Per te non c’è stato alcun problema a fare il doppio salto… indietro: “Nessuno. Avellino per me è una grandissima occasione. Vengo in una squadra che con la terza serie non ha nulla a che spartire. Quella biancoverde è una realtà importante del nostro calcio, quindi, sono più che felice”.
Torni al Sud dopo l’esperienza di Acireale in passato hai avuto modo anche di giocare nel girone Nord, quali sono secondo te le differenze tra questo raggruppamento e quello settentrionale: “Giù forse, si gioca un calcio meno tecnico rispetto al girone A e poi qui c’è il calore della gente. Dei tifosi che ti sostengono fino all’ultimo secondo e devo dire che quelli dell’Avellino che io ho avuto modo di apprezzare la passata stagione sono davvero eccezionali. Loro sono la marcia in più di questa squadra”.
La presenza di Galderisi un motivo in più per accettare?
“E’ un grande tecnico, con cui in passato a Cremona mi sono trovato benissimo. E’ un allenatore che mi ha dato tanto… ma a prescindere dalla sua presenza in questa a città ci sarei venuto anche a piedi….” Maglione apre il mercato col botto. Arriva il centrocampista di qualità che serviva ad innalzare ulteriormente il tasso tecnico della squadra. Chissà se adesso il mister troverà qualche altra sorpresa nella calza. (di Sabino Giannattasio)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here