Furto al Country Sport, assolti reo confesso e due complici

0
33

Clamorosa assoluzione quella pronunciata l’altro ieri dal Tribunale di Avellino nei confronti dei tre giovani, due uomini ed una donna, tutti avellinesi, accusati di aver commesso una serie di furti all’interno del noto centro sportivo di Avellino.

In particolare i fatti risalgono al giorno 12 Settembre 2012, allorquando, mentre gli ignari proprietari si cimentavano in una partita di calcetto, dai loro vestiti, riposti negli spogliatoi del Centro sportivo, ignoti prelevavano soldi, documenti personali ed un telefonino Nokia, nonché le chiavi di una automobile Fiat Punto, che si trovava parcheggiata all’interno del Centro, che veniva anch’essa rubata dai tre malfattori.

Nel giro di poco tempo, gli Agenti della Questura di Avellino riuscivano, grazie ad una fonte confidenziale, a mettersi sulle tracce di uno dei tre ladri, M.D., trentasettenne, gravato da numerosi precedenti penali, che, fermato nei pressi di Viale Italia, confessava quanto commesso, fornendo anche i nomi dei suoi due complici: ossia della donna, L.T., ventiseienne, anch’essa gravata da numerosi precedenti penali, e di D.G., trentacinquenne, incensurato.

Il trentasettenne fermato in Viale Italia consentiva, altresì, il ritrovamento sia della autovettura, nascosta in una strada laterale nei pressi della vecchia Stazione dei Vigili del Fuoco di Avellino, sia del telefono, rinvenuto dagli Agenti di P.G. proprio nell’abitazione della donna.

Nella giornata di ieri i tre malfattori, difesi dagli Avvocati Rolando Iorio, Aniello Abate e Nicola D’Archi, sono stati mandati assolti per difetto di querela.

In particolare, cadute le aggravanti del reato di furto, contestate ai tre giovani, si è eccepito il difetto di querela, non essendovi la prova che le persone derubate avessero sporto denuncia per i furti subiti.

Il Pubblico Ministero aveva chiesto invece condanne elevate per due dei tre giovani coinvolti.