Francis Duroy protagonista delle Giornate Gesualdiane Internazionali

0
2

Villamaina – Domani sera alle ore 20.30 presso l’Antica Taverna di Villamaina si svolgerà il concerto del noto violinista Francis Duroy. L’inedito percorso fotografico “Le terre del Principe”, ideato e realizzato da Michela Palermo, intrecciandosi alle vibranti trame sonore ordite dal violino del M.° Duroy, indurrà alla scoperta del feudo gesualdiano. Il direttore artistico delle Giornate Gesualdiane Internazionali, realizzate dalla Fondazione Carlo Gesualdo in collaborazione con la Regione Campania, la Provincia di Avellino ed i Comuni di Gesualdo, Calitri, Taurasi e Villamaina, precisa: “Gli artisti coinvolti in questa edizione del Festival danno vita a delle esecuzioni del tutto singolari, che hanno reso necessario uno studio particolareggiato dei brani in programma, fra i quali una costante è rappresentata dalla Canzon francese del Principe, trascritta di volta in volta per diversi strumenti”.

Francis Duroy nato a Parigi, intraprende il suo percorso musicale a otto anni presso il Conservatorio Nazionale della Regione di Saint-Maur dove studia violino, pianoforte, corno, composizione e musica da camera. La sua formazione prosegue poi a Bruxelles con Maurice Raskin e, in seguito, presso il Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Lione con Vèda Reynolds. Nel 1985 ottiene una borsa di studio per il Banff Centre School of Fines Arts (Canada). Si perfeziona accanto a grandi maestri come il violinista Zoltan Szekely, Rafael Hillyer, il violoncellista Anner Bylsma e il pianista Menahem Pressler. Nel 1986 viene nominato solista dell’Orchestra dell’Opera Nazionale di Lione sotto la direzione di Sir John Eliot Gardiner e Kent Nagano. Nel 1989 è primo violino dell’Orchestra Nazionale di Lione (fino al 1991) sotto la direzione di Emmanuel Krivine. A partire dal 1992, intraprende una carriera concertistica che lo porta in tutto il mondo. Tiene concerti nelle più famose sale da concerto, partecipa a festival internazionali ed è invitato come solista da prestigiose orchestre. Il repertorio di Francis Duroy spazia dalla musica barocca a quella contemporanea, collaborando con diversi compositori tra cui Nicolas Vérin, che gli ha dedicato la sua Opera Chassés croisés II per violino e pianoforte. Accanto alla sua attività concertistica, conduce una intensa attività pedagogica. È attualmente insegnante al CRR – Conservatoire à Rayonnement Régional, di Lione. E’ invitato a tenere master class in Giappone, negli Stati Uniti e in Corea; è membro di giuria in numerosi concorsi internazionali. E’ fondatore e Direttore Artistico di Musicalta, sin dalla sua istituzione avvenuta nel 1993.

L’Antica Taverna di Villamaina (oggi di proprietà del Comune di Villamaina e gestita dalla Cooperativa La Matta) che accoglierà l’evento, costruita a ridosso di un costone roccioso lungo il percorso che dal paese conduce alle Terme di San Teodoro, al tempo dei romani era luogo di sosta per i viaggiatori in transito sulla Via Domizia, ribattezzata nel medioevo Via Napoletana. Luogo d’incontro e di ristoro per pastori e commercianti, costituiva un rilevante nodo viario per lo scambio di informazioni tra i maggiori centri urbani del meridione. Una realtà questa dalle mille sfaccettature, ove salute e benessere si configurano quale binomio vincente che trova la sua ragion d’essere in un contesto ambientale da preservare e da valorizzare.

Il sindaco di Villamaina Michele Marruzzo, fra i primi referenti istituzionali a credere e ad aderire ai Progetti culturali intercomunali promossi dalla Fondazione Carlo Gesualdo, ha affermato: “Lo sviluppo territoriale, attuato nell’ottica di una pianificazione sinergica, non può prescindere dal recupero della memoria storica e delle peculiarità ambientali di cui l’Irpinia è ricca”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here