FOTO / Montella, pazienti covid in una struttura vicina al convento di San Francesco

FOTO / Montella, pazienti covid in una struttura vicina al convento di San Francesco

13 Novembre 2020

Montella, pazienti covid in una struttura vicina al convento di San Francesco. L’annuncio è di questa mattina. Il servizio di accoglienza sarà attivo entro fine mese, grazie alla collaborazione tra Comune e Asl di Avellino. Una struttura che sarà utilizzata per fronteggiare l’emergenza sanitaria in Irpinia. Potrà essere utilizzata per fini residenziali da destinare ai pazienti Covid-19 che hanno contratto il virus e quindi positivi, per le persone asintomatiche ed anche per coloro che sono clinicamente guariti.

I posti letto disponibili sono 41 in una struttura a norma, che ha avuto il benestare dell’Asl per gli ampi spazi dell’immobile. Sarà tutto gestito dall’Azienda Sanitaria Locale, anche per quanto riguarda il servizio sanitario, mensa, pulizia e lavanderia.

La struttura è stata concessa a titolo gratuito all’Asl di Avellino che si occuperà anche di gestire i tipi di pazienti da ospitare.

Dopo l’attivazione del servizio di tamponi Drive In presso il parcheggio del Convento di San Francesco a Folloni, continua dunque la collaborazione tra Asl e Comune di Montella per quanto riguarda l’emergenza sanitaria. Si aggiunge quindi un altro servizio per il territorio dell’Alta Irpinia, ma anche per tutta la provincia di Avellino.

Soddisfazione da parte del primo cittadino di Montella Rino Buonopane: “Ancora una volta il Comune di Montella con spirito di solidarietà con una struttura di ultima generazione che negli anni ha avuto vari utilizzi e già nel mese di marzo, all’inizio di questa pandemia, avevamo proposto di utilizzarla per questo fine importante, che è l’emergenza sanitaria. È sicuramente una occasione di collaborazione per l’intero territorio che dà anche una speranza di solidarietà”.

“Sarà una struttura che servirà nel tempo ed il Comune di Montella la lascia a disposizione per tutto il tempo in cui si protrarrà l’emergenza sanitaria. Mi sento di ringraziare innanzitutto i Frati Francescani, soprattutto Padre Paolo Galante responsabile del Convento di San Francesco e la Dottoressa Maria Morgante che ha accolto la nostra ulteriore proposta, dopo l’avvio del servizio per effettuare i tamponi in Drive In”.