FOTO / Irpiniambiente, la pioggia non ferma la rabbia dei lavoratori

0
1892

La pioggia incessante ha limitato, ma non fermato, la protesta dei dipendenti di Irpiniambiente, la rabbia e la disperazione di padri e mamme di famiglia. Bandiere al vento, fischietti. Tanti gli operatori della società pubblica, che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti in provincia di Avellino, scesi in piazza questa mattina spalleggiati dai sindacati di categoria.

La richiesta è una sola: il servizio non deve essere spezzettato, ma deve restare in capo ad un’unica società. Nel mirino in particolar modo l’amministrazione comunale del capoluogo irpino che invece ha deciso di fare tutto in autonomia. La vertenza dunque è soltanto iniziata, i lavoratori di Irpiniambiente continueranno nella protesta.

“Non si può distruggere un’azienda pubblica senza motivi”, gridano a gran voce i lavoratori. “Quali sarebbero poi le prospettive? Abbiamo dato il meglio di noi stessi, tutti ce l’hanno riconosciuto”.

I sindacati sono stati ricevuti dal presidente della Provincia, Buonopane, il quale ha spiegato tutto quello che l’amministrazione sta facendo nel settore. “I problemi si annidano altrove, non qui”, ha rilanciato il numero uno di palazzo Caracciolo.

A BREVE IL SERVIZIO VIDEO