FOTO E VIDEO / Mercogliano (i bambini ringraziano) onora Mario Santangelo

0
629

Sarà di certo molto felice Mario Santangelo. Grazie a lui ed alla sua famiglia, da oggi Mercogliano avrà una “nuova” villa. Il suo “contributo” farà sì che i tanti bambini della città alla falde del Partenio, potranno giocare in un polmone verde che risplende di luce nuova grazie ad una serie di indispensabili interventi, finanziati dalla famiglia del grande chirurgo napoletano scomparso giusto un anno fa, e curati alla perfezione dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Vittorio D’Alessio.

Il legame tra la famiglia Santangelo e Mercogliano oggi si è rinnovato, con un “pontiere” caparbio che non ha mai mollato la presa: l’ex primo cittadino Alessandro Criscitiello. Il suo impegno e quello di tanti altri cittadini mercoglianesi, supportato dalla giunta, ha fatto sì che, da questa mattina alle 11, la villa comunale si chiami “Villa comunale Mario Luigi Santangelo. Chirurgo e politico. 1934-2020”.

Ad ogni ingresso del parco, una targa. Quella più significativa è posta nell’anfiteatro, esplicativa anche del motivo di tanto affetto di Mercogliano verso lo stimato professore. La targa, oltre a ricordare la nuova intestazione della villa, recita così: “Accademico, chirurgo, pioniere delle scienze trapiantologiche, politico, uomo generoso e altruista, profondamente legato al suo territorio. Esempio di rettitudine morale, fonte di ispirazione per il prossimo”.

Le 4 targhe sono state scoperte dalla moglie, Maria Luisa Assini Santangelo, e dai tre figli: Giovanni, Alfonso e Michele. La cerimonia in villa è stata molto bella e a tratti commovente. Un clima di passato proiettato verso il futuro, con la partecipazione di ex sindaci di Mercogliano (Pellecchia, Picariello, Saccardo), di Enzo De Luca, Alberta De Simone e il senatore Cosimo Sibilia.

Al termine della cerimonia, la santa Messa presso la chiesa dell’Annunziata, officiata dall’Abate di Montevergine, padre Riccardo Guariglia, e da Don Vitaliano della Sala.