Fontanarosa, alla scoperta degli artisti del V Simposio della Scultura

Fontanarosa, alla scoperta degli artisti del V Simposio della Scultura

30 Aprile 2019

Giuseppe Colangelo, Antonio Iovanna, Egidio Iovanna, Gemma Dominguez GuerraChris Peterson, Evrim Kilic: sono questi i sei artisti che daranno il meglio di sè a Fontanarosa dal 4 al 18 maggio prossimi nella realizzazione di sculture all’aperto durante il V Simposio Internazionale della Scultura.

La pietra di Fontanarosa sarà lavorata da questi artisti di fama internazionale, a cui diamo il benvenuto in Irpinia, presentandoli uno al giorno da oggi fino all’inaugurazione della manifestazione.

Iniziamo con Giuseppe Colangelo, artista di Castiglione Messer Marino (provincia di Chieti).

GIUSEPPE COLANGELO (Liestal, Svizzera, 1968), si è diplomato presso l’Istituto Statale d’Arte di Vasto nel 1988, in arte dei metalli e dell’oreficeria. Successivamente ha concluso gli studi presso l’Accademia delle Belle Arti di Firenze, sezione scultura (1992). È seguita una fase di insegnamento, come docente di Storia dell’arte e Linguaggio Visuale, prima presso il Liceo Artistico di Lecco, poi presso il Liceo Artistico di Basilea (Svizzera).

Dal 1998, insegna Discipline plastiche presso l’Istituto d’Arte di Perugia, Lanciano e Chieti. La sua attività di ricerca ha seguito in modo significativo i vari settori delle arti visive: scultura, pittura, grafica, cinema, fotografia. Nella didattica, si è sviluppata attraverso vari progetti artistico-educativi: allestendo il Laboratorio Sperimentale d’Arte “Dallo scarabocchio alla creatività”, rivolto a minori, all’integrazione e ai diversamente abili; partecipando dal 2013, alla manifestazione internazionale “Sculpture Network”, per la quale, come membro impegnato anche nella scuola, ha contribuito al progetto “Teachers in Practice”, che gli ha permesso di perseguire nuovi obiettivi con il laboratorio Sperimentale d’Arte, esponendo i lavori dei suoi allievi presso il Centro Culturale degli studenti a Belgrado.

Ha preso parte a numerosi Simposi Internazionali di Scultura, in particolare: il XV Simposio Internazionale di Scultura, a Carrara, “Morphè” e “Tragitti” nella Provincia di Cremona, “Scolpire in Piazza” a Sant’Ippolito (PU), Vergnacco (UD), Orzinuovi (BS), “Forme del Travertino” ad Acquasanta Terme e ad Albiano (TN). Numerose sono le sue partecipazioni a mostre collettive sia in Italia che all’estero, in Svizzera, America, Australia, Spagna, Olanda, Cina, Belgio, Germania e diversi i premi e le menzioni ottenute.

Tra le mostre cui ha partecipato, quelle personali più significative sono state non solo organizzate nella “Galleria Artis” di Basilea, ma anche presso lo Studio di Architettura “Dearch” a San Salvo (2007), come “Formeantologiche”; la mostra “La pietra interpreta la Tavola degli Dei: Fluusai, musa degli germogli” si è svolta invece presso il Palazzo San Francesco di Agnone (2009), mentre “L’Abruzzo in Pietra” ha avuto luogo prima all’Aquila, presso il Foyer dell’Auditorium del Parco di Renzo Piano, poi a Lanciano, presso il Polo Museale di “Santo Spirito” (2014).