Festa della Repubblica a Grottaminarda. Il sindaco Cobino: “Valori fondamentali”

Festa della Repubblica a Grottaminarda. Il sindaco Cobino: “Valori fondamentali”

2 Giugno 2019

Festa in piazza Vittoria a Grottaminarda per il 73esimo Anniversario della fondazione della Repubblica. La comunità ha reso omaggio a questa ricorrenza dal profondo significato, prima con la Santa Messa nella Chiesa del Rosario e poi con la deposizione di una corona in memoria dei Caduti da parte dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci.

Dopo la benedizione da parte del Parroco Don Carmine Santoro qualche momento di riflessione tra Istituzioni, Associazioni e Cittadini.

Il Sindaco, Angelo Cobino ha sottolineato come il passaggio dalla monarchia alla Repubblica sia stata una grande conquista che ha solo 73 anni e come questa conquista vada preservata e valorizzata tenendo sempre ben presenti i valori della democrazia, dell’appartenenza nazionale, della coesione.

Ha ricordato che il 2 giugno del 1946 in quel Referendum Costituzionale per la prima volta votarono anche le donne, un segno di grande civiltà. Ed in tema di pari opportunità, le elettrici e gli elettori di Grottaminarda hanno mostrato grande sensibilità eleggendo nelle ultime consultazioni amministrative lo stesso numero di uomini e donne in Consiglio Comunale, in un bilanciamento perfetto.

I valori legati alle celebrazione del 2 giugno ed alla Costituzione sono stati al centro degli interventi da parte di una delegazione di alunni dell’Istituto Comprensivo San Tommaso d’Aquino e del filosofo e teologo Peppino Orlando che ha richiamato ad una maggiore partecipazione a queste manifestazioni.

Presenti oltre ai rappresentanti delle diverse associazioni quali l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Grottaminarda e la Pubblica Assistenza Anpas di Grottaminarda, le Forze dell’Ordine: Carabinieri, Polizia Stradale, Vigili del Fuoco e Polizia Municipale; anche il Corpo degli Alpini rappresentato grazie alla partecipazione del Colonnello in congedo Angelo Iannuzzi. Presente, infine, Confidustria, con il Presidente Giuseppe Bruno.