Exporienta: i numeri del successo. Boom di visitatori

31 Marzo 2006

Atripalda – 6 mila utenti, tra studenti e visitatori occasionali. 80 espositori (30 stand per Industrie e Servizi, 25 per Orientamento e Formazione, 25 per Istituzioni e Territorio). 50 Istituti Superiori provenienti dalle province di Avellino, Napoli, Salerno e Caserta. Sono i numeri della prima edizione di Exporienta – Partinquinta, la manifestazione che si è conclusa mercoledì pomeriggio tra la soddisfazione dei promotori e il gradimento di espositori e studenti. “Una manifestazione innovativa per il contesto locale – spiega Marco Pierno amministratore unico dell’Aaps Informatica – Un evento unico in Campania, e non solo, che crea una interfaccia diretta ed immediata con il mercato del lavoro”. Sulla stessa linea d’onda Mariagrazia Villano, responsabile qualità dell’Omi (Officine Meccaniche Irpine). “I ragazzi – dice – hanno avuto la possibilità di capire quelli che sono i requisiti specifici che le aziende richiedono per entrare a far parte del proprio organico e dunque Exporienta rappresenta senza dubbio un’iniziativa più che valida”. Plaude la rassegna anche Fabio Maiella, responsabile ambiente e qualità del Galassia Park Hotel. “Bisogna investire nelle giovani leve che rappresentano la futura classe dirigente. Sono entusiasta del protocollo d’intesa siglato tra la Confidustria e l’Istituto Alberghiero di Avellino: il primo passo verso la realizzazione di quella sinergia scuola-lavoro tanto sognata”.
Exporienta dunque si candida a modello d’eccellenza in termini di offerta formativa. L’obiettivo, più volte sottolineato, è quello di promuovere attività volte a orientare i giovani nella scelta del percorso di formazione universitaria, post-universitaria o professionale, con l’eventuale inserimento nel mondo del lavoro. Non solo. Garantire una interfaccia concreta tra lavoro, formazione e scuola che incida sul complessivo sviluppo del territorio.
“La Provincia di Avellino – ha affermato il Responsabile del Salone, Dott. Andrea Iovinocon quest’azione traccia a mio avviso un segno importante perché Exporienta quantomeno determina e visibilizza una relazione concreta tra il mondo della scuola e ciò che succede alla formazione scolastica superiore di secondo grado. Questo è l’aspetto rilevante del Salone a mio sommesso avviso. Il fatto, poi, che quest’azione di orientamento sia stata partecipata da protagonisti dalla locale Confindustria, dalla Direzione Scolastica Regionale per la Campania e dalla maggior parte degli agenti sociali e istituzionali che operano con l’intento di determinare sviluppo e occupazione sul nostro territorio ha un rilevante valore aggiunto in quanto dimostra che stiamo lavorando sinergicamente e questa è l’unica strada concreta e atta a determinare la svolta del Mezzogiorno. Infine, i nostri giovani, le nuove generazioni con i docenti e i dirigenti scolastici hanno dimostrato anche in questa occasione la grande attenzione che hanno verso gli input che pervengono dalla società civile. Il successo della prima edizione di Exporienta, credo, stia innanzitutto in questi sostanziali aspetti che hanno connotato la manifestazione”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

<