Ex Irisbus, irruzione pacifica degli operai ex Irisbus

0
66

Irruzione pacifica degli operai dell’ex Irisbus stamane nella sede Inps di via Roma ad Avellino. L’obiettivo? Ottenere informazioni e, soprattutto, garanzie sul pagamento degli arretrati.

Con gli operai anche i rappresentanti sindacali di Fiom, Ugl e Fismic. I lavoratori chiedono la liquidazione del trattamento di fine rapporto e un ulteriore anticipo sulla cassa integrazione, a quasi quattro mesi dal cambio di proprietà e all’arrivo in Valle Ufita di Industria Italiana Autobus.

“Abbiamo incontrato il direttore e il responsabile di area – ha spiegato Giuseppe Zaolino della Fismic – e tutti hanno capito che facciamo sul serio perché di fronte a quattro mesi persi dietro parole inutili, ci sono 280 persone che vivono con 500 euro al mese, mentre ci sono decine di milioni di euro versati dall’azienda precedente che devono essere trasferiti ai lavoratori. Se non avessimo protestato oggi la questione si sarebbe protratta ancora. Entro un mese gli operai riceveranno la liquidazione dei venti anni precedenti di lavoro. E’ un loro diritto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here