Ex Irisbus, attesa per l’arrivo di Bene. Curcio (Fiom): “Vogliamo risposte da Di Maio”

0
60

Prima un faccia a faccia con i responsabili di stabilimento, poi un confronto con le Rsa dell’ex Irisbus. C’è attesa a Flumeri per l’arrivo del nuovo presidente di Industria Italiana Autobus Antonio Bene che sarà in Irpinia domani mattina alle 11.30.

Oggi il manager di Karsan sarà all’ex Bredamenarini di Bologna per una visita ed un primo contatto con l’altra realtà industriale che, insieme all’ex Irisbus, dovrebbe dar vita al polo nazionale degli autobus.

“Per noi è solo un altro interlocutore, cambia poco rispetto al passato, continuiamo a moverci nella più grande incertezza. Solo un incontro al Mise potrebbe contribuire a fare un po’ di luce su questa vertenza, vogliamo risposte precise dal ministro Di Maio”, precisa Silvia Curcio della segreteria Fiom Cgil.

Bene, come noto, è stato indicato dal gruppo turco che, dopo la ricapitalizzazione, ha rilevato il 70 per cento del capitale e, quindi, la maggioranza di Industria Italiana Autobus.

La restante quota del 30 per cento è in capo a Leonardo (ex Finmeccanica). La ricapitalizzazione ha stoppato definitivamente l’ipotesi fallimento e sbloccato gli stipendi. Ora l’attenzione di lavoratori e sindacato è tutta rivolta alla cassa integrazione, in scadenza a fine anno.

Si attende anche una convocazione da Roma per un confronto a tutto campo con il ministro Luigi Di Maio che, negli ultimi mesi, aveva sempre lasciato immaginare una soluzione che prevedesse una maggioranza pubblica. Così non è stato, almeno per il momento.