Emergenza rifiuti, domani vertice decisivo in Provincia

1
6
boccalone

Emergenza rifiuti, l’Irpinia rischia la paralisi.

Dal confronto che si è svolto questa mattina presso la Prefettura di Avellino – presenti il Prefetto Carlo SessaNicola Boccalone amministratore unico di Irpiniambiente – non sarebbero emerse novità sostanziali.

Si attende dunque l’incontro – decisivo – programmato per la mattinata di domani in Provincia.

Dal canto suo Boccalone ha ribadito la necessità di un sostegno maggiore dalle istituzioni sulle due soluzioni possibili: il sostegno dei privati o l’ampliamento delle lavorazioni previste allo Stir.

Proprio dal sostegno dei privati – che potrebbero mettere a disposizione un sito per sostituire lo Stir – potrebbe arrivare la soluzione alla spinosa vicenda scoppiata dopo che è scaduta l’ordinanza provinciale che permetteva a Irpiniambiente di utilizzare proprio il deposito ex Cdr di Pianodardine per il conferimento della frazione umida.

“La soluzione ora potrebbe arrivare da un privato – ha riferito stamane ai media Boccalone -. Ci stiamo muovendo da tempo per individuarne uno. Certo, il clima che si respira in questi giorni, non è dei migliori. I sequestri (del deposito di Pianodardine) e le proteste non facilitano il nostro compito”.

foto: repertorio

 

1 COMMENT

  1. […] Si tratta delle fasce tricolori dei Comuni di Lioni, Teora, Caposele, Montella, Calabritto, Senerchia, Cairano, Guardia Lombardi, Morra de Sanctis, Bagnoli, Castelvetere e Cassano Irpino che hanno scritto una nota indirizzata alla Prefettura di Avellino, alla Provincia, alla Regione e al costituendo Ato Rifiuti irpino, dopo il blocco della raccolta dell’umido per l’impossibilità a conferire in impianti. […]

Comments are closed.