Emergenza neve, tutti gli interventi dei Vigili del Fuoco

Emergenza neve, tutti gli interventi dei Vigili del Fuoco

5 Gennaio 2017

I Vigili del Fuoco di Avellino, già da qualche giorno sono pronti per l’emergenza neve, che puntualmente ha interessato il capoluogo Irpino e l’intera provincia. Il Comandante Provinciale, l’Arch. Rosa D’Eliseo, ha approntato un piano di emergenza per far fronte alle richieste che pervengono presso la sala operativa del Comando.

Alle ore 10’30, una squadra delle sede centrale di via Zigarelli, è intervenuta a via Roma, ad Avellino, per un incendio che ha interessato un’autovettura.. Il veicolo avvolto dalle fiamme, è stato spento e messo in sicurezza. Per gli occupanti l’autovettura, oltre tanto spavento, nessuna conseguenza.

La squadra del distaccamento di Montella, è dovuta intervenire nel territorio del comune di Cassano Irpino, sulla strada Provinciale EX 164, in contrada Cannavali, dove diverse autovetture erano rimaste bloccate dalle neve, alcune anche con bambini a bordo. Si è dato assistenza a tutti e provvedendo a liberare le auto impantanate. A seguire la stessa squadra, si è portata a Nusco in contrada Campo, per il recupero di autovetture impantanate. Sulla strada Statale 7 bis Ofantina, si è intervenuti per un autobus di linea bloccato. Sempre a Cassano, sulla strada Statale 7 Appia, si sono recuperate altre auto bloccate, ed un autocarro.

Ad Avellino in via circunvallazione si è intervenuti per degli alberi che minacciavano di cadere sulla carreggiata; anche in questo caso si è provveduti ad eliminare il pericolo.

La squadra del distaccamento di Bisaccia, è intervenuta a Lacedonia in via Nazionale per un autoarticolato rimasto bloccato, sempre per la neve; anche in questo caso il pesante automezzo è stato liberato.

La squadra del distaccamento di Grottaminarda è intervenuta a Mirabella Eclano, in contrada Croce, sempre per veicoli bloccati dalla neve.

Ad Avellino, in contrada Sant’Oronzo, si è dato assistenza a diverse autovetture impantanate dalla neve, liberandole.