Emergenza incendi, Giannini: “In Irpinia non è stata accertata la natura dolosa dei roghi”

Emergenza incendi, Giannini: “In Irpinia non è stata accertata la natura dolosa dei roghi”

13 Luglio 2017

Pasquale Manganiello – Alla Prefettura di Avellino risulta che siano arrivate 250 richieste di intervento per spegnimento incendi e che su 650 richieste di intervento in 25 giorni oltre 400 riguardavano incendi boschivi. Cifre importanti su cui si è cercato di fare chiarezza nell’incontro di stamane in Prefettura alla presenza del vice prefetto Ines Giannini, con i rappresentanti di Vigili del Fuoco, Questura, Polizia Stradale, Guardia di Finanza e Carabinieri.

“Abbiamo fatto un pò di chiarezza – ha dichiarato la Giannini – abbiamo incendi che interessano tutta la Campania; in Irpinia sotto fuoco ci sono la zona del montorese, il lauretano, Cervinara e Rotondi. Sono intervenute nuove leggi, il corpo forestale è stato soppresso, i carabinieri forestali  hanno competenze diverse sugli incendi boschivi. Il ruolo dei vigili del fuoco ora riguarda non solo gli incendi che minacciano case e persone. Gli incendi boschivi non sono più argomento di forestazione ma riguardano la protezione civile.”

“Chiediamo maggiore controllo sul territorio – ha concluso la Giannini – ad Avellino non è stato ancora accertato che i roghi siano dolosi. Pagheremo questo disboscamento forzato in termini idrogeologici.”

Il Comandante provinciale dei caschi rossi, Rosa D’Eliseo, fa il punto della situazione:

“Ieri abbiamo fatto 35 interventi, la situazione ora è più sotto controllo sia nel montorese che a Cervinara. Stiamo lavorando con due squadre ordinarie più una squadra aggiunta per dare una mano a chi sta fuori dalla mattina alla sera senza mangiare per venire incontro alle richieste dei cittadini. In estate si sente maggiormente la carenza di organico, il dipartimento centrale ha attivato finalmente una convenzione con la Regione che partirà la settimana prossima. Stamane c’è stato un incontro tra Istituzioni, un confronto costruttivo in cui ho rappresentato la nostra disponibilità alla richiesta regionale. In Irpinia molti roghi sono collegati alle temperature elevate di questi giorni.”