Emergenza Covid-19, sindacati e Prefetto monitorano le ricadute in Irpinia

0
7

Si è tenuto ieri, convocato dal Prefetto di Avellino su richiesta delle Segreterie Territoriali di Cgil Cisl e Uil, un incontro per insediare un tavolo istituzionale con Confindustria e Confcommercio per una prima valutazione sullo stato di crisi relativo al Covid 19, alle sue ricadute sul sistema locale. Nel corso della conference call sono stati affrontati i temi dell’emergenza a cui il territorio è esposto che ha già determinato situazioni particolarmente complesse sia sotto il profilo territoriale che su quello specifico delle filiere produttive.

La particolare condizione della comunità di Ariano Irpino, così come la difficile ed encomiabile attività del comparto Sanità che sta garantendo livelli di assistenza elevati pur tra tante difficoltà anche per il reperimento di adeguate misure DIP, così come per i lavoratori dei trasporti, Igiene Urbana, Forze dell’Ordine sono attenzionate per superare le carenze rilevate, con l’obiettivo di continuare a produrre in sicurezza degli Uffici Postali e Attività Commerciali aperte.

È emersa la volontà comune di monitorare le evidenze organizzative dei sistemi produttivi che creano maggiori disagi per l’erogazione dei servizi e delle attività che sono garantite alla popolazione locale, con l’impegno comune di ridurre e rilevare le criticità in atto e che in prospettiva maggiormente si paleseranno con l’evoluzione delle pandemia del Coronavirus.

Particolare attenzione andrà posta ai livelli di sicurezza che devono essere garantiti ai lavoratori impegnati nel sistema sanitario e ospedaliero, nella consapevolezza delle difficoltà per il reperimento dei dispositivi di protezione individuale che vanno garantiti e assicurati al personale esposto al contatto con il pubblico. La capacità di arginare la diffusione è ovviamente correlata al rispetto delle norme e dei comportamenti emanati dal Governo e dalla Regione, e tutte le comuni iniziative vanno indirizzate alla diffusione della consapevolezza e del rispetto del protocollo condiviso con il Governo, perché sui luoghi di lavoro si possa e si debba operare in sicurezza.

Rilevata la profonda crisi economica a cui il sistema locale è già esposto, connotato dalla sospensione temporanea delle attività produttive, e dalla diffusa “chiusura” delle attività commerciali, ci si è confrontati sulle norme a sostegno del Lavoro e delle imprese definite con il decreto del 17 Marzo n.18.

In tal senso le strutture di Cgil Cisl e Uil così come quelle delle Associazioni datoriali saranno aperte e presenti per l’attivazione delle procedure di sostegno previste per lavoratori ed aziende dei diversi settori sia del commercio che dell’industria, auspicando tempi brevi per L’ emanazioni di norme applicative da parte degli Enti tali da intercettare nel breve le esigenze di redditività e reddito.

È impegno comune di partecipare, specifici casi rilevati in modo da operare per il loro superamento, consapevoli che l’adozione delle buone pratiche avviate con l’incontro di ieri, possano risultare utili se non determinanti per il superamento delle criticità a cui i cittadini e i lavoratori sono esposti, e su cui il tavolo istituzionale si confronterà a cadenza sistemica.

Articolo precedenteCoronavirus, 99 positivi in Irpinia: ecco la mappa aggiornata
Articolo successivoCoronavirus, nuova vittima ad Ariano Irpino
Giornalista. Ottimo. Leva (calcistica) dell’86. Sono laureato in Scienze Politiche all’Ateneo di Salerno con tesi in Diritto Amministrativo Europeo e un Master di II livello in Economia e Gestione delle Imprese. Ma la mia è una vita dedicata allo sport, più precisamente al calcio. A raccontarlo ho cominciato sin da piccolo e con Irpinianews, il giornale online al quale mi sento più affine, sto diventando grande. Da due anni in forza alla redazione, prima come cronista di calcio minore e successivamente, anche come inviato, a seguire le vicende dell’Avellino Calcio. Il web è il mio mondo, mi piace catturare e offrire notizie in tempo reale. Ho lavorato presso l’ufficio stampa del Comune di Salerno, con l’agenzia di stampa Mediapress, ho preso confidenza con il mondo dei social network e della condivisione di informazioni.