Elezione Ordine degli avvocati verso il rinvio: Passaro invoca la trasparenza

0
7

L’avvocato Massimo Passaro, candidato alle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’ordine di Avellino, all’indomani della decisione del COA  di convocare una riunione del Consiglio dell’Ordine per lo slittamento delle elezioni per il rinnovo della carica dell’intero Consiglio, scrive una lettera aperta con la quale, dice: “intende dare voce allo sconcerto dello scrivente e dei tanti candidati da cui è stato avvicinato circa la decisione che il COA sembra si stia accingendo ad adottare in merito al differimento della prossima tornata elettorale”.

Passaro spiega: “In proposito va ricordato che, successivamente alla sentenza della Cassazione a sezioni unite 32781/18 secondo la quale, “ai fini del divieto di cumulo dei mandati, devono considerarsi anche i mandati parzialmente svolti nonché quelli iniziati prima della riforma dell’ordinamento della professione forense del 2012”, è stato emesso un decreto legge che concede ai COA la possibilità di prorogare di sei mesi le elezioni per il rinnovo dei Consiglio dopo aver recepito la decisione della Corte di Cassazione. Appare evidente che la proroga semestrale concessa tramite il decreto legge dal Governo, tuttavia, non impedisce agli Ordini che già dispongono di liste di candidati conformi al dettame della sentenza, di svolgere la consultazione elettorale nei tempi originariamente stabiliti”.

L’avvocato prosegue spiegando che egli “non vede quale potrebbe essere l’impedimento a svolgere le elezioni nelle date inizialmente fissate 31 Gennaio-1 e 2 Febbraio 2019. Lo scrivente si augura che le decisioni del COA nella prossima seduta non siano improntate ad interessi personali o alla sola volontà di prorogare la durata dell’attuale Consiglio (che difficilmente sarebbe compresa dagli avvocati e dagli altri utenti della Giustizia), ma tenga conto dell’aspettativa di coloro che hanno già presentato la candidatura, investendo risorse personali ed economiche, di tornare alle urne nel più breve tempo possibile al fine di rinnovare il Consiglio, allo stato composto da diversi consiglieri che hanno già svolto due mandati consecutivi e che non possono ricandidarsi”.

“Attesa l’importanza della decisione e la necessità di una trasparenza, lo scrivente chiede e si aspetta che la riunione si tenga pubblicamente onde consentire a tutti gli avvocati del Foro di Avellino di conoscere le diverse posizioni dei singoli consiglieri che dovranno assumersi la responsabilità delle proprie scelte e dichiarazioni di voto innanzi a tutta la categoria. Nella giornata di martedì 15 gennaio 2019 (domani ndr) sarà possibile effettuare una sottoscrizione per richiedere lo svolgimento del Consiglio del 16 gennaio 2019 in seduta pubblica” chiude l’avvocato Massimo Passaro.