Eccellenza – Il dopo gara di Libertas-Atripalda

0
2

L’andamento del match lascia l’amaro in bocca tra le fila dell’Atripalda, incapace di capitalizzare un primo tempo giocato su buoni livelli. Lo svantaggio maturato a inizio ripresa fa da spartiacque dell’analisi di Carmine Amato, il quale alla prestazione incoraggiante sciorinata prima del gol di Schettino contrappone l’incapacità di reagire dei suoi: “Siamo stati in partita per più di metà gara, cercando di far male all’avversario con ripartenze rapide, in qualche circostanza imbastite giocando palla a terra in maniera organizzata. Purtroppo siamo stati colpiti nel momento in cui avevamo acquisito fiducia nelle nostre possibilità. Dopo l’espulsione abbiamo completamente mollato, anche per colpa della condizione fisica non ottimale di alcuni elementi. Contiamo di recuperare al più presto uomini fondamentali come Nappi e De Falco, ai quali non possiamo permetterci di rinunciare. Dovremo reagire a questo avvio difficile con maggiore forza mentale. Non siamo in grado di reagire alla prima difficoltà nell’arco di una partita”. Realismo e razionalità nelle parole del tecnico dei tigrotti Maurizio Coppola, che vola basso nonostante l’entusiasmante avvio di torneo. Premiate le scelte di inizio ripresa dell’ex difensore gialloblu, che ha trovato in Manzi e Schettino le armi micidiali del successo stabiese: “Il contributo dei neo entrati è stato fondamentale, come hanno dimostrato le azioni che hanno portato ai gol. Abbiamo affrontato questa gara con diversi indisponibili e lo stesso Manzi non al meglio. Gli impegni ravvicinati ci hanno creato qualche problema di infortuni, ma credo che la squadra abbia risposto alla grande. L’Atripalda ci ha creato qualche problema nel primo tempo, chiudendosi bene e ripartendo rapidamente. Ci ha abbiamo messo un po’ per entrare bene in partita, ma questo atteggiamento fa parte della Libertas di questo inizio stagione. Il nostro obiettivo resta la permanenza nella categoria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here