Droga, tassi usurai per pagare dosi: fermati due gemelli montoresi

10 Ottobre 2013

Anche due gemelli montoresi sono stati raggiunti da provvedimento di fermo di indiziato di delitto, provvedimento eseguito dai carabinieri del reparto operativo di Salerno su ordine del pm Vincenzo Montemurro della Direzione distrettuale Antimafia. I destinatari dei provvedimenti sono tre giovani, già noti alle forze dell’ordine ritenuti responsabili in concorso tra loro di detenzione ai fini dello spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti ed estorsione aggravate con metodo mafioso.

Il provvedimento, emesso con urgenza dal magistrato della Dda ha raggiunto un 23enne salernitano, pregiudicato e già sottoposto all’avviso orale di Pubblica Sicurezza, ed i gemelli P. e G. I., 22enni di Montoro Inferiore.

I tre avevano ceduto tempo addietro una partita di hashish ad un altro giovane, anch’egli di Montoro Inferiore, M. C., condannato dal Tribunale di Avellino per la detenzione e la cessione di quella partita di stupefacente. Quella droga M. C. non la pagò del tutto.
Infatti, secondo le indagini, versò solo un acconto con l’accordo di dilazionare il saldo con rate mensili, gravate da tassi usurari. Secondo le indagini coordinate dal pm Montemurro i tre fermati per ottenere la restituzione di quel denaro avrebbero minacciato con metodi mafiosi il padre di M. C.
Nel corso dell’operazione sono state eseguite delle perquisizioni domiciliari nel corso delle quali è stato rinvenuto, oltre a numerose mazze da baseball, anche del materiale per il confezionamento dello stupefacente ed altra documentazione interessante. Gli indagati sono rinchiusi nel carcere di Salerno, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.