Difesa Grande, si riapre il dialogo. Ipotesi soluzione alternativa?

0
3

Ariano Irpino – Difesa Grande potrebbe anche rimanere chiusa. Il commissario Gianni De Gennaro avrebbe comunicato al consigliere della Presidenza della Repubblica per gli affari interni, Alberto Ruffo, che sta valutando una soluzione alternativa per evitare la riapertura della discarica di Ariano Irpino. La notizia è stata comunicata al sindaco Domenico Gambacorta, che ha guidato la delegazione di amministratori locali, giunta al Quirinale per affrontare il nodo Difesa Grande. Soddisfazione e cauto ottimismo sono stati espressi da Crescenzo Pratola, presente all’incontro romano. Il primo cittadino, nei giorni scorsi, aveva chiesto di essere ascoltato dal Capo dello Stato per ribadire che l’opposizione verso la riapertura della discarica era supportata dalla presenza della legge n. 87/2007 approvata dal parlamento soltanto sei mesi fa. Importante è stato il percorso seguito per giungere all’approvazione di quella legge: in occasione della riapertura, intervenuta a giugno scorso, il premier Romano Prodi aveva telefonato al sindaco di Ariano Irpino per chiedere un atto di responsabilità a fronte dell’impegno di far approvare il decreto legge che prevedesse la chiusura definitiva di quello sversatoio. Successivamente il contenuto del decreto legge fu tramutato in emendamento e inserito nella legge n. 87: dunque un testo legislativo formulato sulla base di un accordo istituzionale siglato da Prodi. Con queste motivazioni l’amministrazione comunale di Ariano Irpino è scesa in piazza, sicura di esercitare un diritto assolutamente legittimo. Ruffo, che per anni è stato applicato alla prefettura di Salerno, ha mostrato una profonda conoscenza del problema di Ariano Irpino e del territorio campano e si è potuto intrattenere con la delegazione per oltre un’ora. Allo stato non si sa quale sia la soluzione alternativa, ma il rischio della riapertura di Difesa Grande sembra destinato a ridursi. Questa la delegazione del Tricolle presente a Roma: Domenico Gambacorta, Andrea Pelosi, Enzo Caso, Nicola Castagnozzi, Raffaele e Pasquale Li Pizzi, Crescenzo Pratola, Benvenuto De Pasquale, Arrilio De Michele, Antonio Savino, Antonio Mainiero, Pasqualino Santoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here