Covid a scuola, cosa cambia dal 1 aprile

0
2966

Dal primo aprile ci saranno nuove regole a scuola per la gestione dei casi di positività al Covid-19.

Fino alla fine dell’anno scolastico 2021/22 resta obbligatorio l’utilizzo delle mascherine di tipo chirurgico, tranne che per i bambini fino a sei anni di età, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso delle mascherine e per lo svolgimento delle attività sportive. Le protezioni facciali delle vie respiratorie vanno indossate anche a bordo dei mezzi di trasporto e sui mezzi di trasporto scolastici, di tipo Ffp2 fino al 30 aprile. Viene inoltre sempre raccomandato di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Permane il divieto di accedere o permanere nei locali scolastici se si è risultati positivi al Covid-19 o se si presenta una sintomatologia respiratoria e una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi. Sarà ancora obbligatorio, fino al 30 aprile, accedere agli istituti scolastici solo dopo aver dato prova di essere in possesso del Green pass base.

Novità anche per le gite scolastiche. Sarà consentito svolgere uscite didattiche e viaggi d’istruzione, compresa la partecipazione a manifestazioni sportive.

Con la fine dello stato di emergenza termina anche la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per il personale non ancora vaccinato, ma permane l’obbligo di vaccinazione fino al 15 giugno 2022. Nel Decreto viene chiarito che la vaccinazione costituisce un requisito essenziale per lo svolgimento tutte le attività didattiche a contatto con gli alunni.

Quindi, qualora il dirigente scolastico accerti l’inadempienza del docente, questi verrà sostituito attraverso l’attribuzione di contratti a tempo determinato. Nel momento in cui il soggetto che è stato sostituito si vaccinerà, potrà tornare di diritto a svolgere l’attività didattica.

Gli alunni in isolamento per infezione da Covid-19 “possono seguire l’attività scolastica nella modalità di didattica digitale integrata, accompagnata da specifica certificazione medica che attesti le condizioni di salute dell’alunno. La riammissione in classe è subordinata alla sola dimostrazione di aver effettuato un test antigenico rapido o molecolare con esito negativo“.