Covid Irpinia, tre decessi al Moscati

0
7

Sono deceduti oggi, nella terapia subintensiva del Covid Hospital dell’Azienda Moscati, 3 pazienti: una paziente di 85 anni di Montemiletto (Av), ricoverata dal 18 marzo; una paziente di 84 anni di Mercogliano (Av), ricoverata dal 26 febbraio, e un paziente di 68 anni di Gragnano (Na), ricoverato dal 19 marzo.

Sarà trasferito questa mattina, dall’Unità operativa di Anestesia e Rianimazione all’Unità operativa di Medicina Interna della Città ospedaliera, un paziente di 68 anni di Avella (Av). L’uomo era arrivato in gravi condizioni al Pronto soccorso dell’Azienda Moscati lo scorso 12 gennaio. Risultato positivo al tampone molecolare, era stato intubato e ricoverato in terapia intensiva. Il 27 febbraio, essendo risultato negativo a due tamponi naso-faringei, era stato trasferito nella Rianimazione no-Covid, dove è stato successivamente estubato.

Nelle aree Covid dell’Azienda ospedaliera Moscati risultano ricoverati 80 pazienti: 9 in terapia intensiva, 31 nelle aree verde e gialla del Covid Hospital, 9 nell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza, 13 nell’Unità operativa di Malattie Infettive, 7 nell’Unità operativa di Geriatria e 11 nel plesso ospedaliero di Solofra.

Articolo precedenteCovid, da Calitri l’appello alla Morgante: centri vaccinali in ogni comune
Articolo successivoCovid, al “Moscati” si registra la quarta vittima di giornata
Giornalista. Ottimo. Leva (calcistica) dell’86. Sono laureato in Scienze Politiche all’Ateneo di Salerno con tesi in Diritto Amministrativo Europeo e un Master di II livello in Economia e Gestione delle Imprese. Ma la mia è una vita dedicata allo sport, più precisamente al calcio. A raccontarlo ho cominciato sin da piccolo e con Irpinianews, il giornale online al quale mi sento più affine, sto diventando grande. Da due anni in forza alla redazione, prima come cronista di calcio minore e successivamente, anche come inviato, a seguire le vicende dell’Avellino Calcio. Il web è il mio mondo, mi piace catturare e offrire notizie in tempo reale. Ho lavorato presso l’ufficio stampa del Comune di Salerno, con l’agenzia di stampa Mediapress, ho preso confidenza con il mondo dei social network e della condivisione di informazioni.