Coppola a difesa del Made in Italy: “Non basta solo denunciare”

0
2

Avellino – Raffaele Coppola, commissario dell’Ente Provincia di Avellino e già direttore dell’Isa Cnr di Avellino, tra i ministri del ‘Governo Ombra’ dell’ex ministro irpino Gianfranco Rotondi. Il docente universitario irpino ha parlato a Telenostra circa il suo nuovo incarico. “Ho accetto con entusiasmo e con grande senso di gratitudine la nomina – ha detto – Credo che mai come in questa fase storica il cittadino avverta la necessità di individuare qualcuno che osservi, anche da esterno e senza potere effettivo, ciò che accade perché si sta guardando solo al risparmio economico e questo può portare a pensare che la vita sociale come vita d’azienda. Questo è l’errore commesso dagli ultimi Governi che ha ben pensato, facendo così, di cancellare decenni di storia e relazioni sociali e il relativo benessere che si è venuto a creare. I tagli e il risparmio non sempre fanno stare meglio”.

Riflettori puntati su quanto sta avvenendo in Campania con la questione della Terra dei Fuochi: “Parliamo di un problema reale che è anche costruito per così dire da chi fa concorrenza. Chi governa deve tutelare il sistema agro alimentare. Denunciare solamente il problema significa penalizzare le potenzialità dei nostri territori e del nostro tanto invidiato Made in Italy. Non basta scrivere ‘prodotto in Italia’, bisogna invece agire con serietà, con controlli ispettivi per porre le basi per un futuro migliore delle aziende”.

Ancora sulla sua nomina: “Il ruolo assunto mi impone di guardare con attenzione a ciò che avviene per mettere per pungolare chi legifera, perché sentendosi osservato, questi capisca che è il caso di valutare con attenzione tutte le vicende”.

Svuota province. “Si è scelto la vittima, che è la Provincia, perché se cancellate creeranno meno problemi di opposizione in Parlamento. Ma sarà solo un risparmio illusorio poiché si sacrificheranno aspetti storici e culturali. Non possiamo far vivere solo quello che ci fa guadagnare altrimenti il benessere sarà destinato a scemare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here