Continua l’impegno dei GD dell’Alta Irpinia

0
124

Dopo l’incontro tenutosi a Lioni dal titolo: “#voceaiterritori Il Progetto Pilota: un’occasione da non perdere”, continua l’impegno dei GD su questo tema cruciale.

Da oggi sarà attivo un tavolo permanete d’ascolto sui tre ambiti attorno ai quali si struttura la sperimentazione.

Sulla pagina Facebook irpiniachevorrei, aperta oggi, possono scrivere tutti: associazioni, liberi cittadini e soprattutto tutti coloro che non sono stati ascoltati e che hanno voglia di far vivere le loro idee per uno sviluppo serio dei nostri territori.

I GD dell’Alta Irpinia con la campagna #irpiniachevorrei iniziano quindi una fase di ascolto delle comunità sulle questioni della mobilità, della sanità e della formazione, che porterà ad organizzare incontri tematici per i tre ambiti e alla fine di questa esperienza, sarà stilato un documento che verrà consegnato ai 25 sindaci dei comuni coinvolti dalla sperimentazione, nel quale saranno riportate le idee e le proposte raccolte.

Questo percorso rientra nella campagna dei GD regionali “ricomincio da tre” alla quale i ragazzi dell’Alta Irpinia hanno voluto dare un taglio territoriale che potesse impegnare questa organizzazione giovanile, in fase di ricostituzione, in un processo politico che cerca di uscire dagli schemi tipici nei quali è sprofondato il dibattito politico provinciale e regionale, riportando la politica al suo ruolo nobile di pensare nuovi modelli di sviluppo territoriale dopo aver ascoltato le comunità.

I Giovani Democratici dimostrano, ancora una volta, di essere una realtà viva e attiva in Alta Irpinia, un’organizzazione che se pur ancora mancante di una struttura istituzionale, mostra, con maturità, di saper mettere in piedi un percorso politico fondato sui contenuti che guarda al futuro con concretezza avendo l’obiettivo di cambiare la situazione attuale di un territorio che rischia la desertificazione. #irpiniachevorrei è un’occasione importantissima per tutti coloro che hanno voglia di impegnarsi per ridare futuro ai paesi dell’Alta Irpinia e per ricucire quel tessuto sociale fatto di servizi e di diritti che è alla base delle nostre comunità e che in questi anni è stato lacerato dalle politiche dissennate del governo Caldoro.

Questa campagna punta a rivitalizzare tutte quelle energie, creando un luogo di confronto per tutte quelle intelligenze presenti sul territorio che possono ridare serietà ad un progetto che rischia di trasformarsi nell’ennesima occasione persa a causa dell’approssimazione di una classe dirigente che sembra impegnata in altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here